Logo JPIC OMI

Giustizia, pace e integrità della creazione

Oblati missionari di Maria Immacolata  Provincia degli Stati Uniti

Logo OMI
Rivista
Traduci questa pagina:

Notizie recenti

News feed

Archivio News


Video e audio più recenti

Più video e audio>

L'arcivescovo Miller rivolge un appello a favore dei rifugiati Tamil in Canada

Agosto 30th, 2010

L'arcivescovo J. Michael Miller della diocesi di Vancouver ha rilasciato una dichiarazione su August 25, 2010 sulla situazione dei rifugiati Tamil di 492 che sono arrivati ​​a Vancouver all'inizio di agosto in cerca di asilo.

L'arrivo della nave carica di rifugiati ha generato polemiche in Canada. I tamil canadesi, la più grande comunità tamil al di fuori dello Sri Lanka e dell'India, hanno esortato le autorità ad accettare i richiedenti asilo, affermando che il gruppo di minoranza deve affrontare continue discriminazioni per mano della maggioranza cingalese in Sri Lanka. L'Alto Commissario dello Sri Lanka per il Canada ha chiesto al Paese di rifiutare lo status di rifugiato a causa di presunti legami con il movimento separatista delle Tigri Tamil. Le Tigri Tamil o Tigri della Liberazione del Tamil Elam (LTTE) come ala militare del movimento separatista Tamil, furono brutalmente spazzate via nella primavera del 2009. Si ritiene che decine di migliaia di Tamil siano morti negli ultimi mesi del conflitto, intrappolati com'erano tra i due eserciti in guerra. Secondo quanto riferito, i crimini di guerra sono stati commessi da entrambe le parti.

"Tieni a mente la dignità dei rifugiati tamil durante il dibattito sull'immigrazione"

Dichiarazione dell'arcivescovo J. Michael Miller, che è stato membro del Pontificio Consiglio vaticano per la pastorale dei migranti e degli itineranti.

25 Agosto 2010

L'arrivo di 492 Tamil rifugiati dallo Sri Lanka ha generato molte discussioni sulla politica di immigrazione del Canada e sui mezzi appropriati per trattare con uomini, donne e bambini che sono arrivati ​​di recente con la nave.

Parte della reazione si è concentrata sugli individui disperati che sono arrivati ​​sulle nostre coste, portati qui clandestinamente per fuggire dalle persecuzioni nella loro patria. C'è stata grida, in gran parte ostile, sul salto in coda, sull'abuso del sistema e sulla necessità di impedire al Canada di essere invaso da aspiranti rifugiati. In questo momento è fondamentale tenere a mente la dignità fondamentale di ogni persona umana, in particolare i nuovi arrivati. Nella sua vita e nel suo ministero, Gesù si identificava con i rifugiati e altri gruppi emarginati: "Ero un estraneo e mi hai dato il benvenuto" (Mt 25: 35).

L'insegnamento sociale cattolico è intransigente sui diritti dei rifugiati, e questi uomini, donne e bambini non devono diventare capri espiatori in dibattiti altrimenti rilevanti sulla politica di immigrazione, l'applicazione e la riforma.

Mentre spetta ai governi responsabili stabilire l'identità dei nuovi arrivati ​​in modo da non aprire una porta a potenziali rischi per la sicurezza, la Chiesa cattolica sostiene che le persone che sono vittime di conflitti armati, politiche economiche sbagliate o disastri naturali, così come "internamente sfollati ”, devono essere riconosciuti come rifugiati e devono essere offerti protezione internazionale. Il Canada ha una reputazione ben fondata come nazione di immigrati e rifugiati e una lunga storia di accoglienza per coloro che cercano un rifugio dall'ingiustizia.

Negli ultimi anni è stato ben documentato che una delle conseguenze globali di politiche di immigrazione e di rifugiati eccessivamente restrittive da parte dei paesi industrializzati è stata un aumento della tratta di esseri umani, in particolare di donne e bambini.

Le Nazioni Unite hanno definito il contrabbando di persone la forma di crimine organizzato transnazionale in più rapida crescita.

Papa Giovanni Paolo II ha messo in guardia contro la tendenza dei Paesi ricchi a “inasprire i propri confini sotto la pressione di un'opinione pubblica turbata dai disagi che accompagnano i fenomeni dell'immigrazione. La società si trova a dover fare i conti con uomini e donne 'clandestini' in situazioni illegali, senza alcun diritto in un Paese che si rifiuta di accoglierli, vittime della criminalità organizzata o di imprenditori senza scrupoli ”. (Papa Giovanni Paolo II, Messaggio per la Giornata Mondiale della Migrazione 2000, n 4.)

Mentre lo Stato deve garantire che la politica sull'immigrazione sia soggetta ai requisiti del bene comune, tale controllo non deve essere ispirato da atteggiamenti egoistici o "politiche restrittive".

Solo discutendo della politica federale sull'immigrazione, teniamo in prima linea uomini, donne e bambini attualmente in detenzione, tutti hanno rischiato la vita per sfuggire alle persecuzioni a casa.

Prima di venire a Vancouver, l'arcivescovo Miller ha fatto parte del Pontificio Consiglio vaticano per la pastorale dei migranti e degli itineranti, istituito da Papa Giovanni Paolo II in 1988 per aiutare il benessere spirituale di coloro che non sono più o non sono mai stati membri di un parrocchia.

Torna all'inizio