Logo JPIC OMI

Giustizia, pace e integrità della creazione

Oblati missionari di Maria Immacolata  Provincia degli Stati Uniti

Logo OMI
News
Traduci questa pagina:

Notizie recenti

News feed

Archivio News


Video e audio più recenti

Più video e audio>

Rappresentanti della Chiesa giurano di difendere le aree latinoamericane con le mine

Dicembre 11th, 2014

Grazie a Catholic New Service per questo articolo, scritto da Lise Alves 

open-pit-mineSAO PAULO (CNS) - I leader cristiani di 14 paesi dell'America Latina si sono riuniti a Brasilia all'inizio di dicembre per discutere i modi per ridurre l'impatto delle attività minerarie nelle loro comunità, in particolare la contaminazione di fiumi e laghi.

"Non esiste estrazione industriale su larga scala senza acqua", ha detto il vescovo Guilherme Werlang di Ipameri, presidente della commissione per la giustizia sociale e la carità dei vescovi brasiliani. Ma i vescovi affermano che i materiali utilizzati nell'estrazione mineraria contaminano le falde acquifere, i fiumi e i laghi nelle regioni minerarie.

"È stato dimostrato che questi materiali tossici rimarranno nel suolo e nell'acqua per molti secoli", ha detto il vescovo Werlang.

Una conferenza di tre giorni denominata "Chiesa e miniere: un'opzione in difesa delle comunità e dei territori" è stata la prima del suo genere nella regione. La conferenza ha avuto il sostegno della Conferenza episcopale brasiliana e la partecipazione del Consiglio delle Chiese latinoamericano, mentre circa 90 partecipanti hanno cercato di definire strategie e alleanze per ridurre l'impatto delle attività minerarie.

"Abbiamo discusso delle minacce, delle sfide e delle insicurezze che le comunità locali e indigene in tutta l'America Latina stanno vivendo dove operano le compagnie minerarie", ha detto Oblato Padre Seamus Finn del Ministero per la Giustizia, la Pace e l'Integrità del Creato degli Oblati con sede a Washington.

Gli organizzatori hanno affermato che le attività delle multinazionali minerarie in America Latina sono aumentate notevolmente negli ultimi anni e ci sono previsioni di un'espansione ancora maggiore delle operazioni in futuro.

"L'espansione dell'attività mineraria ha generato impatti irreversibili negli ecosistemi e nelle comunità fragili e vulnerabili che circondano queste imprese", ha detto Egon Heck, membro del Consiglio missionario indigeno dei vescovi che ha partecipato alla conferenza di tre giorni.

Padre Finn ha detto che uno dei maggiori problemi per queste comunità è l'impatto delle operazioni minerarie sull'approvvigionamento idrico e sulla qualità dell'acqua.

Cesar Padilla, coordinatore dell'Osservatorio dei conflitti minerari in America Latina, un gruppo di organizzazioni 40 il cui obiettivo è difendere le comunità interessate dalle operazioni minerarie, ha convenuto.

“Ci sono state diverse esperienze in cui l'arsenico è stato disperso, che causa il cancro, così come i metalli pesanti. Ci sono molti che sono stati contaminati dal mercurio, che causa problemi neurologici, renali e cardiaci ", ha detto.

Detto questo, condividendo le loro esperienze e lavorando in gruppo, i partecipanti alla conferenza speravano di essere in grado di trovare meccanismi per minimizzare l'impatto delle mine.

"Ci sono conseguenze, a volte fatali, sia per l'ambiente che per la popolazione in quelle aree", ha detto Heck.

Gli organizzatori della conferenza hanno affermato che le comunità più povere sono quelle che subiscono le maggiori conseguenze di questa esplorazione e di solito non sono in grado di sostenere i loro diritti.

"Le proteste contro questi progetti sono criminalizzate e molte volte represse violentemente", hanno detto gli organizzatori in un comunicato stampa.

Padilla ha dichiarato che sono stati segnalati centinaia di conflitti dovuti alle operazioni di data mining.

“Abbiamo registrato 211 conflitti in tutta l'America Latina e ce ne sono molti altri in cui non abbiamo accesso alle informazioni. Abbiamo bisogno di maggiori informazioni in paesi come Brasile, Venezuela e Paraguay, così come in altre località ", ha detto.

In Brasile, l'Osservatorio sui conflitti minerari ha identificato i conflitti 20 in sei stati. Padilla ha detto che solo la riduzione delle operazioni minerarie porterebbe a una diminuzione del numero di conflitti e morti legati al settore minerario.

Ha detto che l'estrazione richiede una grande quantità di terra, acqua ed energia. In molti casi viene costruita una centrale idroelettrica per servire l'azienda mineraria, e la comunità perde un fiume che viene deviato per rifornire l'impianto.

“Le comunità si stanno rendendo conto che l'estrazione mineraria è un'attività dannosa con conseguenze disastrose per la popolazione. C'è una crescente opposizione nelle comunità: quelli che hanno l'estrazione mineraria non lo vogliono più, e quelli che non lo fanno sono contrari all'avvio ", ha detto.

Heck ha detto che c'è un urgente bisogno di rivalutare l'esplorazione dei minerali.

"La decisione (se esplorare) non dovrebbe essere presa esclusivamente sulla base di fattori economici", ha detto.

Il vescovo Werlang ha detto che anche le compagnie minerarie devono essere ritenute responsabili del ripristino dell'ambiente dopo l'estrazione delle materie prime dal suolo; non dovrebbero semplicemente trasferirsi in un'altra regione, abbandonando la miniera.

"Devono esserci leggi che garantiscano che dopo che una miniera non produce più (materia prima), l'ambiente deve essere recuperato in modo da garantire il futuro dell'area", ha detto.

Nel documento finale pubblicato dopo la conferenza, le entità si sono impegnate a difendere le modifiche legislative per limitare le attività minerarie e chiedere la protezione delle comunità interessate dall'esplorazione.

Torna all'inizio