Logo JPIC OMI

Giustizia, pace e integrità della creazione

Oblati missionari di Maria Immacolata  Provincia degli Stati Uniti

Logo OMI
News
Traduci questa pagina:

Notizie recenti

News feed

Archivio News


Video e audio più recenti

Più video e audio>

P. Seamus Finn, OMI parla di fede e sviluppo sostenibile al World Mining Congress 2016

Ottobre 25th, 2016

file-2016-10-20-11-25-48-pm-1

Il World Mining Congress è un evento internazionale che si svolge ogni tre anni. È guidato da un segretariato e affiliato alle Nazioni Unite. L'evento di quest'anno si è svolto a Rio de Janeiro, Brasile, dal 18 al 21 ottobre. L'evento mira a promuovere e sostenere, sia tecnicamente che scientificamente, la cooperazione per lo sviluppo nazionale e internazionale di aree e risorse minerarie; implementare una rete globale di informazioni in materia di scienza mineraria, tecnologia, economia, salute e sicurezza sul lavoro e protezione ambientale.

Fr. Seamus Finn, OMI, ha parlato al Pannello Kellogg Innovation Network (KIN), Perché la partnership per lo sviluppo è il futuro delle miniere.

Il panel ha esplorato le dimensioni sociali, economiche e ambientali che sono così vitali per una vivace industria mineraria e un futuro che prevede un'equa distribuzione di benefici a tutti i soggetti interessati.

Fr. Seamus Finn, OMI: commenti al World Mining Congress Rio, ottobre 20th 2016

L'impegno della chiesa con il settore minerario e in particolare con l'Iniziativa per i partner di sviluppo è stato avviato e motivato da tre diversi fattori.

  1. Siamo stati benedetti da un papa carismatico e dirompente che è responsabile della preparazione dell'enciclica Laudato Sí dove ci viene presentata una visione ispiratrice dell'interdipendenza e interrelazione che esiste tra tutti gli esseri viventi e la nostra casa comune, il pianeta terra che si basa sull'insegnamento dei suoi predecessori e sull'Insegnamento sociale cattolico (CST). Siamo anche chiamati a svolgere il compito di Papa Francesco per i modi in cui non siamo riusciti a prenderci cura, coltivare e apprezzare il dono del mondo naturale e invece maltrattato il pianeta e fallito di conseguenza nella nostra responsabilità intergenerazionale verso i figli dei nostri figli .
  2. Ci sono cappelle e chiese e case di culto sparse per il mondo e specialmente nelle regioni remote dove si trovano molte delle miniere e altre risorse naturali desiderabili come petrolio, gas e legname. I leader di fede a diversi livelli hanno ascoltato per anni molte delle persone che vivono in queste regioni e molte delle storie che raccontano delle loro esperienze di estrazione non sono molto positive. Molti dei contributi che il settore ha apportato al progresso e allo sviluppo sono andati perduti.
  3. Le chiese possiedono e gestiscono beni per supportare le loro varie iniziative e sono azionisti di molte aziende attive nel settore minerario. Vogliono fare quegli investimenti in industrie e aziende che sono responsabili e dare un contributo costruttivo alle comunità e alle società in cui operano. Vogliono anche evitare di investire in società che hanno un cattivo curriculum sulla protezione dell'ambiente, nel rispetto e nella promozione dei diritti umani e nell'adempimento della loro licenza sociale per operare. 

Tre temi centrali per la missione della chiesa e di molte tradizioni religiose in cui la missione delle tradizioni di fede e l'industria mineraria si intersecano promuovono lo sviluppo sostenibile, la cura della nostra casa comune e la protezione dei diritti umani.

  1. Promuovere lo sviluppo è stato all'ordine del giorno della chiesa per secoli ed è stato specificamente evidenziato da istituzioni globali come le Nazioni Unite sin dall'inizio. Negli ultimi decenni l'aggettivo "sostenibile" molto discusso è stato aggiunto alla conversazione mentre i successi e gli insuccessi di vari progetti e programmi di sviluppo sono stati criticati e valutati. Un significativo intervento nel dibattito sullo sviluppo è stato fatto da Papa Paolo VI in 1967 nell'enciclica Populorum Progressio quando ha chiesto la promozione dello "sviluppo umano integrale" e ha cercato di includere molto più che avere più o semplicemente misurare lo sviluppo in termini puramente economici. L'industria mineraria è stata spesso parte di molte iniziative di sviluppo attraverso il loro contributo alle comunità locali, specialmente nelle regioni che circondano i loro siti operativi e nelle comunità che sono influenzate dalle operazioni della loro catena di approvvigionamento.
  1. Nella sua enciclica Laudato SíPapa Francesco ha chiamato tutti noi a prenderci cura della nostra casa comune, Madre Terra, che sottolinea che è stata gravemente danneggiata da gran parte delle attività umane, specialmente nell'era industriale. Fa presto a precisare che non esiste una soluzione rapida alla crisi ecologica che affrontiamo, ma che ciascuno di noi individui e comunità, istituzioni e organizzazioni, pubblico e privato ha una responsabilità e un ruolo da svolgere nell'invertire queste tendenze .
  1. La protezione e la promozione dei diritti umani e della dignità umana sono al centro della missione della chiesa e sono sancite dal diritto internazionale. Sono sempre più codificati nella legislazione e volontariamente abbracciati da diversi attori della comunità imprenditoriale e in particolare da parti interessate e azionisti in società quotate in borsa. Istituzioni di fede e istituzioni socialmente responsabili e investitori individuali che stanno lavorando diligentemente per allineare le modalità con cui gestiscono queste risorse con le loro tradizioni di fede e con i loro valori stanno usando questo stesso obiettivo per scegliere le aziende e i settori industriali che vogliono investire in .

Nei Giorni di riflessione che sono stati convocati in Vaticano e al palazzo di Lambeth, nelle Giornate di coraggiosa conversazione che si sono svolte a Città del Capo e nelle altre riunioni che hanno riunito leader della fede e dell'industria, società civile e rappresentanti delle comunità locali, abbiamo un modello che può aiutare ad affrontare alcune delle sfide che devono affrontare le comunità locali, l'industria e coloro che vogliono sostenere lo sviluppo sostenibile. L'impegno di prendersi cura, coltivare e proteggere la nostra casa comune deve essere la nostra priorità numero uno. Non possiamo riposare finché non avremo trovato le strade e la tecnologia per farlo e allo stesso tempo usare le molteplici e ricche risorse che ci stanno di fronte per sostenere l'abitazione umana sul pianeta.

Torna all'inizio