Logo OMI
News
Traduci questa pagina:

Notizie recenti

News feed

Archivio News


Video e audio più recenti

Più video e audio>

Scelta degli arbusti autoctoni per i giardini degli impollinatori

9 maggio 2024

Di Sr. Maxine Pohlman, SSND, Direttrice, Centro di apprendimento ecologico La Vista

Il giardino degli impollinatori di La Vista presso il Noviziato del Cuore Immacolato di Maria a Godfrey, Illinois, sta assumendo un nuovo aspetto in questa stagione. Su saggio consiglio del nostro maestro giardiniere, abbiamo introdotto arbusti autoctoni che lo sono spesso. trascurato quando si pianifica un giardino per servire gli impollinatori.

Benefici

(Boccola pulsante fiorita)

– Un arbusto maturo, come il cespuglio qui raffigurato, può fornire più nettare e polline di una singola pianta perenne. Questo cespuglio ronzava di api e farfalle in aprile e maggio!

– Alcuni arbusti da fiore fioriscono all’inizio della stagione, fornendo cibo prima di altri fiori autoctoni; per esempio, fuori dall'ufficio di La Vista, il cespuglio di spezie fioriva mentre faceva ancora abbastanza fresco. Le api autoctone abbondavano sui piccoli fiori gialli prima che le osservassi altrove.

– Gli arbusti decidui autoctoni spesso offrono interesse stagionale; ad esempio, oltre ai fiori in primavera ed estate, possono fornire frutta, noci, baccelli o bacche, come questi che si sviluppano sul cespuglio di spezie qui raffigurato. A fine estate diventano rossi, attirando la fauna selvatica.          

– Molte piante autoctone sono ospiti larvali di farfalle e falene.

– Una volta stabilizzati, la maggior parte degli arbusti non avrà bisogno di essere annaffiata!

– Non c’è bisogno di fertilizzanti, pesticidi o erbicidi su questi nativi!

Cosa sono le specie autoctone?

Le specie autoctone sono quelle che si sono evolute in un'area insieme alla vita animale, a differenza delle specie naturalizzate introdotte dall'uomo, come quelle portate dagli europei quando colonizzarono questo paese o quelle vendute dai vivai perché hanno un fascino speciale per l'ignaro giardiniere. Molti vivai ora hanno una sezione speciale “piante autoctone”.

I nativi che abbiamo piantato includono: viburno tata, sommacco profumato, cespuglio di bottoni, aronia nera, sambuco nero, cespuglio di spezie, viburno di freccia e amamelide. Stanno tutti bene nel loro secondo anno.

(Bacche immature su cespuglio di spezie)

 
(Ape nativa in fioritura)

Una nuova etica del giardino

Poiché lo sviluppo e l’agricoltura hanno eliminato gran parte dell’habitat degli impollinatori, poiché abbiamo utilizzato pesticidi in modo così prolifico e per così tanto tempo, e poiché la crisi climatica e quella della biodiversità sono alle porte, è diventata nostra responsabilità progettare un giardino non solo gradevole all’occhio umano, ma anche utile anche per gli impollinatori tra cui api, farfalle, falene, pipistrelli, uccelli, vespe, mosche. 

Per saperne di più, procuratevi il libro di Benjamin Vogt Una nuova etica del giardinoLascia che questa citazione ti attiri:

 

“In poche parole, l’ambientalismo non è politico; è giustizia sociale per tutte le specie emarginate oggi e per quelle che rischiano l'estinzione domani.

Pensando profondamente e onestamente ai nostri paesaggi costruiti, possiamo creare un attivismo compassionevole che ci collega più profondamente alla natura e gli uni agli altri”.


(Giardino degli impollinatori La Vista)

 

 

 

Torna all'inizio