Logo JPIC OMI

Giustizia, pace e integrità della creazione

Oblati missionari di Maria Immacolata  Provincia degli Stati Uniti

Logo OMI
Chi siamo: Successo: Lavora con le popolazioni indigene
Traduci questa pagina:

Popoli indigeni: un popolo con un passato, una storia e una cultura

Non moriranno mai ... Conquistati: Forse! ... Dimenticati ... Mai!

Scritto da: Oswald Firth, OMI Primo Assistente generale, Oblato General Administration, Roma

Per gli Oblati di Maria Immacolata, vivere e lavorare con gli indigeni è come una seconda natura. Fin dal loro inizio sono stati vicini agli "Inuk", gli abitanti indigeni del Polo Nord. Ci sono molte storie idilliache che vengono raccontate sui viaggi e sui travagli degli Oblati tra questi indigeni "Inuit", che significa "popolo". Si sono abituati non solo al clima artico, ma anche alle abitudini alimentari degli eschimesi che spesso vivevano una vita meravigliosa alla ricerca di foche, salmoni e caribù.

Poi c'erano i "Popoli della Prima Nazione", gli amerindi tra i quali lavoravano gli Oblati, fornendo loro istruzione, salute e altra assistenza umanitaria. Forse, la violazione dei loro diritti fondamentali, in particolare il diritto alla loro terra, alle loro risorse, alla loro cultura e alle loro persone umane, non ha mai avuto un posto di rilievo nelle menti dei colonizzatori di queste persone come accade oggi in un'era post coloniale. Il fatto che queste aberrazioni vengano portate alla luce e che le nazioni siano prese di mira durante il Secondo Decennio delle Nazioni Unite dedicato ai diritti delle popolazioni indigene è una questione che dovrebbe ricevere la più ampia pubblicità.

In tempi più recenti, gli Oblati sono stati in prima linea nella lotta degli indigeni del Bangladesh per superare l'ostracismo e riguadagnare i loro diritti sulla terra. Lavorando al di fuori del frastuono delle fanfare dei media, dove le popolazioni indigene e le loro pratiche culturali sono diventate mostre museali o attrazioni turistiche, gli Oblati hanno aiutato il coleottero a crescere Khashias e il Garos agricolo, e ora il popolo dei Chittagong Hill Tracks per ottenere riconoscimento a le Nazioni Unite. I loro rappresentanti oggi portano la loro causa al Consiglio economico e sociale delle Nazioni Unite con prove convincenti, resilienza e coraggio interiore del loro diritto alla terra, ai valori culturali, alla lingua, alle risorse e alla vita stessa.

Sia che si parli dei Campesinos della Bolivia, o del Chiapas e dei Sapatisti del Messico, o dei Mochicas del Perù, o anche dei Guaranì del Brasile che hanno sofferto sotto lo sfruttamento coloniale, l'umanità deve rendersi conto che sono queste persone della terra che hanno salvaguardava l'ambiente e curava e coltivava gli elementi più preziosi della natura - ovvero: terra, aria, fuoco e acqua - tanto necessari alla nostra vita. Nel frenetico tentativo dell'uomo moderno di combattere l'inquinamento, tendiamo a dimenticare che il segreto della vita per secoli è stato preservato dagli indigeni come ci ricordano le seguenti righe, non senza un senso di ironia:

Tutto sulla Terra ha uno scopo
Ogni malattia ha un'erba per curarla
E ogni persona ha una missione
Questa è la teoria indiana dell'esistenza
(Sahish)

Grazie al Comunicazioni Oblate, il sito ufficiale dei Missionari Oblati di Maria Immacolata per aver condiviso questa storia.

Torna all'inizio