Logo JPIC OMI

Giustizia, pace e integrità della creazione

Oblati missionari di Maria Immacolata  Provincia degli Stati Uniti

Logo OMI
Cosa ce di nuovo
Traduci questa pagina:

Notizie recenti

News feed

Archivio News


Video e audio più recenti

Più video e audio>

Archivio notizie »Asia


Due anni dopo Rana Plaza ... 1 maggio 2015

A due anni dal crollo della fabbrica Rana Plaza in Bangladesh, le preoccupazioni persistono. Questi includono la tempestività di importanti sforzi di riparazione, l'istituzione di comitati per la salute e la sicurezza in fabbrica e gli impegni aziendali per un fondo per le vittime. Una coalizione di investitori globali che rappresentano 2.5 trilioni di dollari in beni - inclusi i Missionari Oblati - hanno inviato lettere ai membri aziendali dell'Accordo del Bangladesh per la sicurezza antincendio e degli edifici (Accord) e dell'Alleanza per la sicurezza dei lavoratori del Bangladesh (Alliance). Le lettere richiedono che le aziende rivelino i loro sforzi per salvaguardare la vita dei lavoratori nelle fabbriche di abbigliamento del Bangladesh.

Leggi la lettera per gli investitori qui ...


L'anti-insurrezione filippina su Mindanao alimenta il dislocamento civile Marzo 26th, 2015

mindanao-e1426949495827

Gli abitanti dei villaggi in fuga da combattenti affollano i centri di accoglienza.
(Photo Credit: www.icrc.org)

Le agenzie umanitarie stanno lottando per far fronte a un numero crescente di persone sfollate combattendo tra le forze governative e un gruppo di insorti musulmani nell'isola meridionale di Mindanao, nelle Filippine.

L'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, UNHCR, dice che più di 120,00 ha cercato rifugio in edifici pubblici o campi informali da quando a gennaio sono scoppiati i combattimenti tra le forze governative ei ribelli del Bangsamoro Islamic Freedom Fighters (BIFF), un gruppo di dissidenti del secessionista Moro Islamic Liberation Anteriore (MILF). La fornitura di cibo, acqua e latrine si sta dimostrando una delle maggiori difficoltà. Nel frattempo, i combattimenti hanno interrotto il raccolto di riso, che porterà ad ulteriori carenze di cibo per le famiglie colpite.

Leggi la storia completa su UCANews ...

 


I poveri del Bangladesh soffrono di più quando i disordini colpiscono l'economia Marzo 16th, 2015

Agricoltori, piccoli imprenditori e lavoratori migranti sono stati tutti duramente colpiti da un blocco di trasporti durato mesi. 

DSC06376Il leader dell'opposizione politica Khaleda Zia ha lanciato una chiusura a livello nazionale più di due mesi fa per cercare di forzare una nuova elezione in Bangladesh. Gli "hartals" (sciopero nazionale), durante i quali tutti i trasporti sono bloccati dalla minaccia di violenza, hanno causato indicibili disagi a tutti i settori dell'economia, ma soprattutto a contadini poveri, lavoratori e piccole imprese. Per saperne di più su UCANews ...


Oblata JPIC firma una lettera al Congresso degli Stati Uniti che si oppone all'accordo rapido per l'accordo commerciale Marzo 2nd, 2015

FastTrackA febbraio 17, l'ufficio del JPIC dei Missionari Oblati si è unito a una lettera interconfessionale firmata da quasi tre dozzine di comunità religiose per opporsi all'autorità accelerata per il passaggio di un prossimo accordo commerciale internazionale da parte del Congresso. La lettera è stata inviata a tutti i membri del Congresso degli Stati Uniti. L'autorità Fast Track apre la strada all'approvazione del Congresso di accordi commerciali come l'incombente Partnership Transpacifica (TPP) con un dibattito scarso o nullo e senza modifiche all'Accordo negoziato dal Rappresentante commerciale degli Stati Uniti, in gran parte dietro porte chiuse. Si tratta di un processo non democratico, che potenzialmente nega un'analisi completa degli impatti delle disposizioni degli accordi commerciali sulle comunità vulnerabili, i lavoratori e l'ambiente e che non prevede audizioni pubbliche dettagliate, nonostante il potenziale di impatti pubblici significativi.

I membri del Gruppo di lavoro interreligioso sul commercio e gli investimenti che hanno firmato la lettera scrivono: "Le nostre tradizioni religiose richiedono la partecipazione della comunità al processo democratico perché crediamo che questo sia l'unico modo per garantire a tutte le persone un'opportunità significativa di partecipare alla creazione di buone politiche. La "corsia preferenziale" è un processo rotto e antidemocratico perché privilegia le opinioni di potenti società globali nella definizione degli accordi di condizioni commerciali, escludendo al contempo le voci di coloro che subiscono un impatto negativo. Ciò impedisce il progresso verso un mondo più giusto. "

Testo integrale della lettera con i firmatari (Scarica PDF)

 


Impegnarsi per l'impatto Marzo 2nd, 2015

Perché gli azionisti basati sulla fede impegnano le società minerarie? 

Il Rev. Seamus Finn, OMI è stato intervistato di recente da SUSTAIN, una pubblicazione dell'International Finance Corporation, un braccio di prestito della Banca Mondiale che si concentra esclusivamente sul settore privato. L'IFC è interessata a come la Chiesa si è impegnata negli ultimi anni con l'industria degli estrattivi. Fr. Finn è stato coinvolto a livello centrale in riunioni ad alto livello, chiamate dal Vaticano e dall'Arcivescovo di Canterbury, con amministratori delegati e delegati religiosi per discutere dei modi per aumentare il rispetto dei diritti e ridurre l'impatto delle operazioni minerarie sulle comunità locali. È direttore del fondo Investimenti basati sulla fede per l'Oblate International Pastoral (OIP) e direttore esecutivo dell'International Interfaith Investment Group (3iG)

Alcune delle domande poste nell'intervista sono: "Perché la chiesa dovrebbe preoccuparsi delle estrazioni?", "Perché la giustizia sociale attraverso gli investimenti?", E "C'è un modo per garantire l'equità sociale? È sempre una dinamica o c'è un punto debole? "

Leggi l'articolo completo qui…

 

 


Migliaia di manifestazioni per la pace nella città filippina meridionale di Cotabato 12 febbraio 2015

Gli attivisti nelle Filippine hanno sollecitato il governo ad approvare la legislazione e a formalizzare la fine di decenni di guerra.

3-Moro-Gioventù-on-Pace-RallyUCA News, una fonte di notizie indipendente sull'Asia, ha riferito che circa 20,000 persone hanno tenuto una manifestazione a favore della pace nella città meridionale delle Filippine di Cotabato giovedì. I partecipanti chiedevano l'immediata approvazione della legislazione per formalizzare il processo di pace a Mindanao e porre fine a quasi quattro decenni di ribellione di Moro. L'approvazione della legislazione è stata minacciata dalla morte di almeno 67 persone, 44 delle quali erano commandos della polizia, in un raid pasticciato contro sospetti terroristi nella città di Mamasapano il 25 gennaio.

Nelle città di Marawi e Davao, anche sull'isola di Mindanao, si uniscono attivisti per la pace che condannano gli appelli alla guerra, affermando che l'approvazione della BBL "è l'unica soluzione per una pace duratura".

"Siamo solidali con coloro che sono morti a Mamasapano, ma non dovremmo renderlo un motivo per abbandonare il processo di pace, abbandonare la BBL e fare in modo che altri milioni, compresi bambini indifesi, orfani, donne e anziani soffrano degli orrori di un altro a tutto campo. guerra ”, ha detto Ustadz Mauladdin Sagapan, che ha guidato un gruppo dal settore religioso a Davao Oriental alla manifestazione a Davao City.

Leggi la storia completa ...

Torna all'inizio