Logo JPIC OMI

Giustizia, pace e integrità della creazione

Oblati missionari di Maria Immacolata  Provincia degli Stati Uniti

Logo OMI
Notizie
Traduci questa pagina:

Noticias en Español

News feed

Archivio News


Video e audio più recenti

Più video e audio>

Archivio notizie »America Centrale e Caraibi

Fine nascondi lo spagnolo dalla pagina non spagnola --->

I leader religiosi sostengono la normalizzazione con Cuba 4 maggio 2015

Catedral_exterior

Credito fotografico (vedi sotto)

Trenta organizzazioni religiose statunitensi hanno firmato una lettera al Congresso chiedendo la fine del decennale embargo con Cuba. Il Rev. William Antone, Provinciale degli Stati Uniti, ha firmato per i Missionari Oblati USP. La lettera fa riferimento ai legami di lunga data di molte organizzazioni religiose con gli organismi religiosi a Cuba e cita il loro appello per la normalizzazione delle relazioni e la fine dell'embargo.

Leggi la lettera qui ...

 

Credito fotografico: Krasivaja nella lingua inglese Wikipedia [GFDL (www.gnu.org/copyleft/fdl.html) o CC-BY-SA-3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/) ], tramite Wikimedia Commons

 


Impegnarsi per l'impatto Marzo 2nd, 2015

Perché gli azionisti basati sulla fede impegnano le società minerarie? 

Il Rev. Seamus Finn, OMI è stato intervistato di recente da SUSTAIN, una pubblicazione dell'International Finance Corporation, un braccio di prestito della Banca Mondiale che si concentra esclusivamente sul settore privato. L'IFC è interessata a come la Chiesa si è impegnata negli ultimi anni con l'industria degli estrattivi. Fr. Finn è stato coinvolto a livello centrale in riunioni ad alto livello, chiamate dal Vaticano e dall'Arcivescovo di Canterbury, con amministratori delegati e delegati religiosi per discutere dei modi per aumentare il rispetto dei diritti e ridurre l'impatto delle operazioni minerarie sulle comunità locali. È direttore del fondo Investimenti basati sulla fede per l'Oblate International Pastoral (OIP) e direttore esecutivo dell'International Interfaith Investment Group (3iG)

Alcune delle domande poste nell'intervista sono: "Perché la chiesa dovrebbe preoccuparsi delle estrazioni?", "Perché la giustizia sociale attraverso gli investimenti?", E "C'è un modo per garantire l'equità sociale? È sempre una dinamica o c'è un punto debole? "

Leggi l'articolo completo qui…

 

 


Bambini migranti messicani dimenticati alla frontiera Gennaio 22nd, 2015

La pattuglia di frontiera e le autorità messicane non riescono a schermare e proteggere i bambini migranti messicani

L'anno scorso, la questione dei bambini centroamericani in fuga dalla violenza ha fatto notizia negli Stati Uniti. Ma a differenza dei minori non accompagnati di Guatemala, El Salvador e Honduras, i bambini messicani che fuggono dalla violenza raramente hanno l'opportunità di raccontare la loro storia davanti a un giudice dell'immigrazione. L'Ufficio di Washington sull'America Latina (WOLA) ha pubblicato un video investigativo e riferisce sul trattamento dei minori migranti messicani non accompagnati detenuti alla frontiera tra Stati Uniti e Messico.

Ogni anno, la US Border Patrol apprende circa 15,000 bambini messicani non accompagnati. Secondo un rapporto 2014 dell'Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, quasi la percentuale di 60 di minori messicani non accompagnati intervistati ha menzionato la violenza come una ragione per lasciare la propria casa. Ma in 2013, meno del 5 per cento è stato trasferito all'ufficio per il reinsediamento dei rifugiati degli Stati Uniti da sottoporre a screening e successivamente concesso un'udienza di immigrazione.

Attraverso interviste con bambini migranti, funzionari della polizia di frontiera, autorità messicane ed esperti, il video di WOLA "Forgotten at the Border" mostra la difficile situazione dei bambini messicani che migrano negli Stati Uniti nel tentativo di sfuggire alla violenza. A meno che questi bambini non riescano a dimostrare a un agente della polizia di frontiera che corrono un rischio credibile di persecuzione o tratta, vengono rimandati a casa.

Il video di WOLA mette in risalto le storie di minori come Esteban, un 17 di un anno che descrive la fuga da un cartello locale, che attraversa il confine dell'Arizona, e viene deportato dalla Border Patrol. Il video è accompagnato da un rapporto investigativo, così come raccomandazioni per i governi degli Stati Uniti e del Messico per proteggere e schermare meglio i bambini messicani non accompagnati.

Rapporto: Dimenticato a La Frontera: i bambini messicani che fuggono dalla violenza sono rari

Raccomandazioni: In che modo i governi degli Stati Uniti e del Messico possono proteggere meglio i bambini messicani non accompagnati che fuggono dalla violenza

Ti interessa seguire WOLA sui social media? Li puoi trovare su Twitter @WOLA_org o link al loro Pagina Facebook.

 

 

 


Importanti progressi nello sviluppo di farmaci per l'AIDS pediatrico Dicembre 3rd, 2014

moment_quoteLa Giornata mondiale contro l'AIDS ha visto due importanti annunci sullo sviluppo di farmaci per l'AIDS pediatrici tanto necessari. Questo è un problema in cui gli Oblati e altri investitori basati sulla fede nel Interfaith Center on Corporate Responsibility (ICCR) ho fatto pressione su compagnie farmaceutiche per anni. Poiché la maggior parte dei pazienti pediatrici con AIDS si trovano in paesi poveri e in via di sviluppo, non esiste il solito incentivo al mercato per lo sviluppo di farmaci. E lo sviluppo di farmaci per l'AIDS pediatrici, in particolare per i bambini, è impegnativo. I membri dell'ICCR hanno attivamente incoraggiato le principali compagnie farmaceutiche a partecipare al Pool di brevetti per farmaci, un meccanismo istituito sotto gli auspici delle Nazioni Unite per "raggruppare" i brevetti di farmaci per rendere le formulazioni esistenti più prontamente disponibili per la produzione generica e per lo sviluppo di combinazioni innovative a dose fissa.

Lunedì, Giornata mondiale contro l'AIDS, AbbVie ha annunciato un accordo di licenza per lopinavir (LPV) e ritonavir (r), i migliori farmaci raccomandati dall'Organizzazione mondiale della sanità per i bambini. La licenza consentirà ad altre società e organizzazioni di riformulare e produrre trattamenti pediatrici LPV / r e r appositamente progettati per la distribuzione nei paesi a basso e medio reddito dove vive il 99% dei bambini con HIV nei paesi in via di sviluppo. [Abbvie è uno spin-off di Abbott Laboratories che contiene l'attività farmaceutica basata sulla ricerca.]

Lo stesso giorno, l'HIV Medicines Research Industry Forum ha annunciato la partecipazione al forum PEPFAR, le Fondo globale, e il Iniziativa per il trattamento dell'HIV pediatrico (PHTI) nel nuovo "Impegno all'azione antiretrovirale globale pediatrico (ARV)" per accelerare l'innovazione e salvare la vita dei bambini. L'iniziativa è progettata per accelerare lo sviluppo di nuove co-formulazioni ARV pediatriche ad alta priorità per il trattamento di prima e seconda linea entro il 2017.

Clicca qui per saperne di più "


Le ONG rilanciano l'allarme sulla diga idroelettrica in Guatemala Ottobre 15th, 2014

Ad agosto di 2013, la comunità è stata attaccata e due bambini sono stati uccisi in punizione per i reclami dei diritti umani presentati dalla comunità.

INell'agosto di 2013, la comunità è stata attaccata e due bambini sono stati uccisi in punizione per le denunce dei diritti umani presentate dalla comunità.

L'Ufficio GPIC Missionario Oblato si è unito ad altre organizzazioni internazionali in una lettera di preoccupazione al Relatore Speciale delle Nazioni Unite sui diritti dei popoli indigeni per la costruzione della diga idroelettrica di Santa Rita in Guatemala. La diga è stata registrata come progetto nell'ambito del Clean Development Mechanism (CDM) - istituito nell'ambito del Protocollo di Kyoto delle Nazioni Unite - nel giugno 2014. Secondo la lettera, "Numerose violazioni contro le comunità indigene di Q'eqchi´ e Poqomchí sono state segnalate prima del e dall'approvazione del progetto, più recentemente in incidenti violenti dal 14 al 16 agosto 2014 che hanno provocato diversi feriti e morti ".

La lettera rileva che il relatore della Commissione interamericana sui diritti umani sui diritti dei popoli indigeni ha riconosciuto "che le attuali licenze per gli impianti minerari e idroelettrici sono state concesse senza che lo Stato abbia attuato una consultazione preventiva, libera e informata con le comunità indigene interessate, come è obbligato a farlo in base ai trattati internazionali firmati dal Guatemala ”.

Leggi la lettera…

 

Torna all'inizio