Logo JPIC OMI

Giustizia, pace e integrità della creazione

Oblati missionari di Maria Immacolata  Provincia degli Stati Uniti

Logo OMI
News
Traduci questa pagina:

Notizie recenti

News feed

Archivio News


Video e audio più recenti

Più video e audio>

Notizie Archivio »Mons. Silvano M. Tomasi


Dichiarazione dei problemi del Vaticano sui principi guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani 25 Giugno 2014

Principi guidaSua Eccellenza Mons. Silvano M. Tomasi, Osservatore Permanente della Santa Sede presso le Nazioni Unite e altre Organizzazioni Internazionali a Ginevra, ha presentato una dichiarazione sui Principi Guida delle Nazioni Unite l'26 giugno alla 11a Sessione del Consiglio dei Diritti Umani. La dichiarazione, intitolata "Rapporto del gruppo di lavoro sulla questione dei diritti umani e delle società transnazionali e di altre imprese" è eccellente, chiedendo la necessità di ampliare la diffusione dei principi, raggiungere una scala nell'attuazione, creare fiducia tra le parti interessate e superare le barriere rimedio efficace.

Principi guida su imprese e diritti umani (Principi guida) sono stati approvati dal Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite su 16 June 2011. I Principi guida forniscono un autorevole standard globale per affrontare gli impatti negativi sui diritti umani legati all'attività economica in tutto il mondo.

I Principi guida hanno stabilito, in tre pilastri, i principi relativi al dovere dello Stato di proteggere i diritti umani, la responsabilità aziendale nel rispetto dei diritti umani e l'accesso a soluzioni per le vittime di violazioni dei diritti umani.

Quanto segue dà un assaggio della dichiarazione che riflette pienamente la preoccupazione del Vaticano per l'impatto di potenti strutture e attività economiche sulla vita della gente comune:

“La capacità delle società internazionali di sfuggire parzialmente alla territorialità e ritagliarsi un'esistenza“ intermedia ”nella legislazione nazionale è giustamente una delle preoccupazioni della comunità internazionale. La loro mobilità in termini di paese di costituzione, gestione, produzione e flussi finanziari consente loro di navigare nelle legislazioni nazionali, trarre vantaggio dall'arbitraggio normativo e scegliere le giurisdizioni che possono offrire il miglior ritorno in termini di profitti. Papa Francesco, nella sua Esortazione Apostolica “La gioia del Vangelo”, e altri leader religiosi della Comunità internazionale hanno ripetutamente sottolineato che il profitto non può essere l'unica logica dell'attività imprenditoriale. Le corporazioni transnazionali fanno parte della famiglia umana e come tali la loro attività dovrebbe rispettare gli standard dei diritti umani ".

“Un altro punto di preoccupazione per la comunità internazionale è la complessità intrinseca delle multinazionali riguardo ai loro diversi modelli operativi (modus operandi) che le rende molto difficili da monitorare e supervisionare. La conseguente assenza di una trasparenza solida e tempestiva rende molto difficile misurare il rispetto delle norme e delle legislazioni. Troppo spesso le violazioni dei diritti umani avvengono per totale abbandono verso conseguenze che sarebbero state prevedibili se qualcuno si fosse preoccupato di pensarci. Questi tipi di "negligenza" non sono casuali, ma sistemici. "

Leggi la dichiarazione completa qui.

Torna all'inizio