Logo JPIC OMI

Giustizia, pace e integrità della creazione

Oblati missionari di Maria Immacolata  Provincia degli Stati Uniti

Logo OMI
Cosa ce di nuovo
Traduci questa pagina:

Notizie recenti

News feed

Archivio News


Video e audio più recenti

Più video e audio>

Archivio notizie »cambiamento climatico


Aiutaci a proteggere l'ambiente! 12 Aprile 2021

(Foto per gentile concessione di Nareeta Martin, Unsplash)

Ridurre il consumo, riutilizzare gli articoli e riciclare quando possibile riduce l'inquinamento dell'aria e dell'acqua, impedisce alle discariche di riempirsi così rapidamente e fa risparmiare energia e denaro sia ai consumatori che ai governi che hanno a che fare con i rifiuti. Questo è un ottimo modo per affrontare il cambiamento climatico. La nostra nuova brochure offre suggerimenti su come ridurre, riutilizzare e riciclare come individui e nelle vostre comunità.

Scarica la brochure da condividere online

Scarica la brochure da stampare

 

2021-GPIC-Ridurre-Riutilizzare-RiciclareFinal


P. Séamus Finn, OMI pesa sulla crisi climatica e Wall Street Marzo 19th, 2021

Leggere la scritta sul muro ': perché Wall Street sta agendo sulla crisi climatica

"Vengono spinti dal cliente, dalla scienza, dal pubblico in generale." - Fr. Séamus Finn, OMI

WIldfires ha bruciato quasi 10.4 milioni di acri negli Stati Uniti lo scorso anno. Il temporale più costoso nella storia degli Stati Uniti ha causato danni per 7.5 miliardi di dollari in Illinois, Iowa, Nebraska e South Dakota. Mentre la crisi climatica ha investito il mondo su scala biblica, ha lasciato sulla sua scia a numero record di disastri da miliardi di dollari.

Eppure da queste ceneri è emerso un improbabile salvatore: Wall Street. Dopo decenni di sostegno agli inquinatori e di leggi contrarie per tenerli a freno, la finanza dice che sta diventando verde.

Leggi l'articolo completo.


La nostra crisi globale della biodiversità: cosa puoi fare Ottobre 16th, 2020

Inviato da Suor Maxine Pohlman, SSND, direttrice, Centro di apprendimento ecologico La Vista


La perdita di biodiversità sul nostro pianeta è ancora più urgente della crisi climatica ma meno nota, mettendo a rischio le persone, la fauna selvatica e le generazioni future. Gli scienziati riferiscono che un milione di specie sono in pericolo di estinzione nei prossimi decenni. È necessario intraprendere un'azione urgente per invertire la massiccia perdita di piante, insetti e altre creature da cui dipendiamo per un clima stabile, forniture alimentari sostenibili e servizi di impollinazione essenziali. 

Tutti noi possiamo aiutare partecipando a Progetti di scienza dei cittadini proprio nelle nostre aree locali. I progetti includono l'osservazione della fauna selvatica, la misurazione della luminosità del cielo notturno, il monitoraggio della qualità dell'acqua, il conteggio degli uccelli, il monitoraggio dei nidi di uccelli e molti altri. Visitare il Sito web del National Geographic per avere idee. Lavorerai con migliaia di altri volontari e scienziati per raccogliere e condividere dati importanti in un database globale.

Visita il Sito web del National Geographic partecipare.

Foto di cortesia, Unsplash.

 


Laudato Si '@ 5: Reflect, Pray & Take Action, 16-24 maggio 2020 15 maggio 2020

Foto per gentile concessione di Stokpic, Pixabay

Laudato Si ': Cura per la nostra casa comune è stato rilasciato alla fine di maggio 2015. I Missionari Oblati GPIC si sono uniti ai cattolici nell'accogliere Laudato Si 'e da allora hanno lavorato per integrare i temi nel nostro lavoro di giustizia e pace. Mentre osserviamo il quinquennio dell'enciclica, vi invitiamo ad unirvi a noi mentre riflettiamo su alcuni dei temi dell'enciclica.

La crisi ecologica, ha scritto Papa Francesco, è un invito a una profonda conversione interiore - per rinnovare i nostri rapporti con Dio, gli uni con gli altri e il mondo creato - Le lezioni della crisi finanziaria globale non sono state assimilate e stiamo imparando troppo lentamente le lezioni del degrado ambientale. (# 109)

Laudato Si ': Povero e vulnerabile

“Le aree e i paesi più poveri sono meno in grado di adottare nuovi modelli per ridurre l'impatto ambientale perché non dispongono dei mezzi per sviluppare i processi necessari e coprire i loro costi. Dobbiamo continuare a essere consapevoli del fatto che, per quanto riguarda i cambiamenti climatici, ci sono responsabilità differenziate ”(# 52)

  • In che modo l'opzione preferenziale per i poveri e i vulnerabili ci chiama a rispondere a Laudato Si '? 

Laudato Si ': Solidarietà globale

“L'interdipendenza ci obbliga a pensare a un mondo con un piano comune ... Un consenso globale è essenziale per affrontare i problemi più profondi, che non possono essere risolti con azioni unilaterali da parte dei singoli paesi. Un simile consenso potrebbe portare, ad esempio, alla pianificazione di un'agricoltura sostenibile e diversificata, allo sviluppo di forme di energia rinnovabili e meno inquinanti, alla promozione di un uso più efficiente dell'energia, alla promozione di una migliore gestione delle risorse marine e forestali e alla garanzia dell'accesso universale al bere acqua." (# 164)

  • Come esprimi solidarietà con le persone della tua comunità e in tutto il mondo?

Laudato Si ': Bene comune

“La nozione di bene comune si estende anche alle generazioni future. Le crisi economiche globali hanno reso dolorosamente evidenti gli effetti dannosi del trascurare il nostro destino comune, che non può escludere coloro che ci inseguono. Non possiamo più parlare di sviluppo sostenibile oltre alla solidarietà intergenerazionale ”(# 159)

  • Con chi sei chiamato a dialogare sul futuro della casa comune? Papa Francesco chiede un dialogo che includa tutti. Chi dovrebbe essere incluso?

Trova altri modi qui su come puoi Rifletti, prega che collaborano con noi, attingono direttamente dalla storia e dalla tradizione veneziana Take Action per celebrare il 5 ° anniversario della Laudato Si '. 

 


Anno 2019 in rassegna: un anno di impegno, sensibilizzazione e azione Gennaio 3rd, 2020

Foto per gentile concessione di Glen Carrie, Unsplash


Felice anno nuovo. Ecco alcuni punti salienti del 2019 dall'ufficio GPIC OMI:

o   Gennaio 2019, GPIC ha iniziato l'anno con una nota cupa e solidale con Provincia OMI delle Filippine sul bombardamento della Cattedrale di Jolo nel mese di gennaio 2019.

o   Febbraio 2019 Fr. Séamus Finn, OMI e don Rufus Whitley, OMI presentati al Conferenza vaticana a Roma sugli investimenti a impatto: Riduzione degli investimenti a servizio dello sviluppo umano integrale che si è concentrato su modi concreti in cui il capitale può aiutare i poveri di tutto il mondo.

o   Marzo 2019, L'ufficio GPIC è stato accolto e ospitato Fr. Studenti Ray Cook OMI e Rice University

o   Aprile 2019, le Il comitato GPIC dell'OMI si è riunito a New Orleans, in Louisiana presso la storica chiesa cattolica di Sant'Agostino.

o   Maggio 2019, GPIC ha accolto con favore Br. Joey Methé, OMI per il tirocinante estivo 2019. E ha espresso gratitudine per la vocazione di p. Seamus Finn, OMI su 43 anni di sacerdozio

Giugno 2019, Gli Oblati missionari si sono uniti a Global Investors per sollecitare i governi del G20 ad affrontare i cambiamenti climatici

o Efficace Luglio 1, 2019, La Sig.ra Mary O 'Herron e P. Emmanuel Mulenga OMI nominati per un mandato di tre anni nel comitato GPIC.

o   agosto 2019, lancio del nuovo design a 360 ° per la newsletter di GPIC:http://omiusajpic.org/2019/08/16/presenting-our-2019-summer-jpic-report-with-a-fresh-new-look/

o   Il Provinciale degli Stati Uniti, P. Louis Studer, OMI si è unito ai leader nazionali con una lettera di accesso esortando l'amministrazione a approvare un accordo di bilancio bipartisan che alzi i massimali di spesa per i programmi di non difesa e aumenti il ​​tetto del debito

o In settembre 2019, in occasione della Giornata mondiale dei migranti e dei rifugiati, GPIC ha lanciato il podcast Fr. Jesse Esqueda OMI parla della crisi dei migranti a Tijuana.

o   ottobre 2019, I social media di GPIC hanno fornito una piattaforma per gli aggiornamenti e gli eventi Oblati nella Regione Pan-Amazon a Roma e le esperienze di Oblati al Sinodo di Amazon come don Roberto Carrasco, OMI 

o   novembre 2019P. Séamus Finn, OMI, era il relatore principale al primo simposio di Marquette sugli investimenti socialmente responsabili dove ha esplorato la storia degli investimenti socialmente responsabili, attingendo a storie personali e lavorando come presidente del Centro interreligioso sulla responsabilità aziendale

o In dicembre 2019Gli Oblati missionari si sono uniti a 80 organi religiosi nazionali nell'invio di una lettera al Senato degli Stati Uniti che sollecita l'approvazione del ILLICIT CASH Act (S.2563) e del Corporate Transparency Act (S.1978)

o   Dicembre 2019, un altro grande momento clou è stata un'audizione del Congresso sullo stato dei bambini migranti in cui Patti Radle, membro del Comitato GPIC, era tra i relatori che hanno fornito potenti testimonianze: https://edlabor.house.gov/hearings/growing-up-in-fear-how-the-trump-administrations-immigration-policies-are-harming-children-

 


Cambiamenti climatici: i membri dell'ICCR esaminano le attività passate e il piano per la stagione di coinvolgimento aziendale di 2018-19 Luglio 18th, 2018

Di Frank Sherman

Il gruppo di lavoro sul cambiamento climatico dell'ICCR si è riunito a metà giugno, ospitato dalla Nathan Cummings Foundation, un membro dell'ICCR a New York, per valutare i progressi compiuti nell'ultimo anno e tracciare un percorso verso la stagione degli impegni societari 2018-19. Abbiamo preso tempo per riflettere sulle tendenze sociali e di fede; rivedere il panorama politico ed economico; e mappare le azioni degli investitori in crescita sul clima. Abbiamo quindi valutato i nostri progressi negli ultimi due anni prima di sviluppare un'analisi, una missione e una visione SWOT. Nel pomeriggio, abbiamo discusso la strada da seguire riorientando i programmi esistenti e discutendo alcune nuove aree da perseguire.

Jake Barnett (Morgan Stanley Graystone), insieme a Mary Beth Gallagher (Tri-State CRI), ha presentato il giustizia climatica prospettiva descrivendo gli impatti negativi sproporzionati che i cambiamenti climatici hanno sulle comunità vulnerabili. Tra questi, la diminuzione della produzione agricola dovuta alla siccità, con conseguente aumento della migrazione, impatti sproporzionati sulle donne, aumento degli oneri patologici dovuti a calore intensificato e malattie trasmesse dagli insetti e spostamento da tempeste più intense a causa della mancanza di resilienza (ad esempio l'uragano Harvey e Maria). Inoltre, circa 1.1 miliardi di persone non hanno accesso all'elettricità, rendendo essenziale fornire energia pulita e accessibile alle comunità che cercano di sfuggire alla povertà. A differenza dei gestori patrimoniali laici, la comunità di fede può elevare il cambiamento climatico da un discorso politico partigiano a una questione morale che tutti noi siamo chiamati ad affrontare. Dobbiamo essere coraggiosi e mostrare urgenza sfruttando le organizzazioni partner (Human Rights Watch, Earth Justice, Sierra Club, ecc.) E dare un volto umano agli impatti dei cambiamenti climatici.

Aaron Ziulkowski (Walden Asset) ha fornito il panoramica politica ed economica rilevando che, nonostante la crescente consapevolezza, le emissioni globali di gas serra continuano ad aumentare, sebbene si siano stabilizzate nei paesi OCSE (sviluppati). Gli impegni nazionali presi a Parigi non sono all'altezza dello scenario dei 2 gradi e non portano il mondo vicino all'ambizione di 1.5 gradi. Il trasporto ha sostituito la produzione di elettricità come il principale emettitore negli Stati Uniti a causa dello spostamento del carbone dal gas naturale. Nonostante la Casa Bianca abbia annunciato il ritiro da Parigi, diversi stati hanno fissato obiettivi per la riduzione dei gas serra, le energie rinnovabili e gli standard CAFÉ (che riducono le emissioni delle auto) che superano gli standard federali. Giappone, UE, Cina e India continuano ad aumentare gli standard CAFÉ mentre l'EPA di Trump annulla gli obiettivi statunitensi. L'EPA è stato citato in giudizio per annullare gli standard sulle emissioni di metano nella produzione di petrolio e gas. Gli economisti sono fiduciosi che l'economia vince sulla politica con il costo dell'energia eolica e solare elettrica non sovvenzionata ora competitiva con i combustibili fossili. Abbiamo deciso di intensificare il sostegno pubblico e fare pressioni sulle società affinché facciano lo stesso se gli Stati Uniti vogliono rimanere competitivi in ​​un mondo a basse emissioni di carbonio.

Leggi il resto dell'articolo sul sito web di Seventh Generation.

 

Torna all'inizio