Logo JPIC OMI

Giustizia, pace e integrità della creazione

Oblati missionari di Maria Immacolata  Provincia degli Stati Uniti

Logo OMI
News
Traduci questa pagina:

Notizie recenti

News feed

Archivio News


Video e audio più recenti

Più video e audio>

Archivio notizie »Coronavirus


Le organizzazioni internazionali amplificano le richieste delle popolazioni indigene in risposta alla pandemia di coronavirus Aprile 21st, 2020

(Foto di Etienne Delorieux su Unsplash)

COVID-19 rappresenta una minaccia mortale per le popolazioni indigene dell'Amazzonia. I casi di malattia e morte nella regione sono in aumento e si prevede che tali numeri aumenteranno nelle prossime settimane. Ora è il momento di agire per prevenire ulteriori morti.

In solidarietà, Organizzazioni indigene del bacino amazzonico (COICA) ha espresso profonda preoccupazione per l'imminente minaccia di COVID-19 nei loro territori e comunità ancestrali e ha rilasciato una dichiarazione. Tra le richieste, le popolazioni indigene chiedono una moratoria su tutta l'Amazzonia su tutte le attività estrattive nei loro territori.

Leggi la dichiarazione completa qui.

Visita Sito web di Amazon Watch per saperne di più.

 


La rete Mission of Jubilee USA rimane critica 15 Aprile 2020

Mentre i principali blocchi commerciali e istituzioni finanziarie del mondo si riuniscono nei prossimi giorni per affrontare la crescente crisi del coronavirus, molte delle più grandi istituzioni religiose le stanno esortando a proteggere i poveri del mondo fornendo alleggerimento del debito e risorse aggiuntive.

Nei giorni scorsi, OMI JPIC si è unita a 80 istituzioni religiose nazionali, congregazioni e partner in una lettera organizzata da Jubilee USA Network per affrontare la crisi del coronavirus. La lettera è stata consegnata alla Casa Bianca, al G20 e al FMI.

I firmatari della lettera si uniscono alle chiamate di Papa Francesco, dei Vescovi cattolici statunitensi e di 165 leader mondiali che incoraggiano risorse aggiuntive, aiuti e riduzione del debito per garantire che tutti i paesi possano resistere alla crisi.

Sul fronte positivo, all'inizio di questa settimana il Fondo monetario internazionale ha approvato $ 500 milioni per cancellare sei mesi di pagamenti del debito per 25 dei paesi più poveri del mondo: Afghanistan, Benin, Burkina Faso, Repubblica Centrafricana, Ciad, Comore, Repubblica Democratica del Congo, Gambia, Guinea, Guinea-Bissau, Haiti, Liberia, Madagascar, Malawi, Mali, Mozambico, Nepal, Niger, Ruanda, São Tomé e Principe, Sierra Leone, Isole Salomone, Tagikistan, Togo e Yemen.

Mentre applaude a questa mossa, Eric LeCompte, direttore esecutivo di Jubilee USA Network, sta spingendo per un ampliamento di questo elenco per includere più paesi in cui le persone vivono in condizioni di estrema povertà.

Anche reagendo agli eventi di questa settimana, p. Séamus Finn, OMI, direttore GPIC dei Missionari Oblati, ha osservato: “le catene dell'indebitamento finanziario hanno imprigionato milioni di persone in tutto il mondo per troppi anni. Dobbiamo continuare a premere su questa questione critica che abbiamo costantemente evitato nel corso dei decenni ". "Questa crisi potrebbe fornirci uno scenario" nessun'altra scelta "poiché riconosciamo che siamo tutti in questa situazione insieme", aggiunge.

I Missionari Oblati furono i fondatori di Jubilee USA e sono stati membri attivi nel corso degli anni.

Leggi di più sulle recenti azioni di Jubilee USA Network di visitando il loro sito web


OMI GPIC tra gli investitori che sollecitano le aziende a proteggere i lavoratori durante la crisi del coronavirus Marzo 31st, 2020

Mentre le ramificazioni sociali ed economiche della pandemia di coronavirus stanno rapidamente diventando chiare, tra cui una recessione incombente, una crescente disoccupazione e significative interruzioni operative e della catena di approvvigionamento, il benessere di milioni di lavoratori è in bilico.

Mentre è chiaro che l'isolamento sociale è cruciale per proteggere i lavoratori e controllare la diffusione del virus, i licenziamenti diffusi da parte delle aziende non faranno altro che esacerbare l'attuale tumulto economico e destabilizzare ulteriormente i mercati, affermano gli investitori. 

Di conseguenza, gli investitori stanno prendendo provvedimenti. 

Il 26 marzo, un gruppo di quasi 200 investitori guidato da Domini Impact Investments, ICCR e  L'ufficio del controllore di New York City rilasciato un piano in 5 punti per le imprese di proteggere i lavoratori durante la crisi. I punti chiave includono:

  • fornire ferie retribuite,
  • dare priorità alla salute e alla sicurezza,
  • mantenere l'occupazione,
  • mantenere relazioni fornitore / cliente, e
  • prudenza fiscale.

Leggi la dichiarazione completa e vedi l'elenco dei firmatari qui. 

 


Jubilee USA Network petizioni FISM per sostenere l'assistenza sanitaria per le persone più povere del mondo Marzo 25th, 2020

Coronavirus del FMI Azione: proteggere vulnerabili, prevenire le crisi finanziarie

Amici,

Il coronavirus colpisce tutti noi.

La mia famiglia e tutti noi di Jubilee USA tengono in preghiera te e il nostro mondo. Per favore, mantieni noi e la nostra missione vitale anche nei tuoi pensieri e nelle tue preghiere.

Man mano che il coronavirus prende vita, colpisce i mercati, colpisce l'assistenza sanitaria e guida una potenziale crisi finanziaria globale, firmerai la nostra petizione urgente del FMI per cancellare il debito ed espandere gli aiuti per rafforzare l'assistenza sanitaria per i paesi colpiti da Covid-19?

Quando firmi la nostra petizione, solleciti azioni che possano proteggere tutti noi dalla crisi finanziaria, sollevare i vulnerabili e garantire che il nostro mondo emerga per essere più resistente di fronte a questa pandemia.

Grazie al nostro lavoro insieme, abbiamo creato processi globali per rafforzare l'assistenza sanitaria nei paesi in via di sviluppo quando colpiscono disastri e si diffondono malattie mortali. Dieci anni fa, quando i terremoti hanno decimato Haiti, abbiamo spostato il Fondo monetario internazionale per creare un processo per alleviare il debito di Haiti e rafforzare i sistemi sanitari ed educativi di Haiti. Nel 2014, quando l'epidemia di Ebola ha devastato la Guinea, la Liberia e la Sierra Leone, abbiamo trasformato con successo il processo del FMI. Il Catastrophe Containment and Relief Trust ha creato sovvenzioni sanitarie innovative, riduzione del debito e centinaia di milioni di dollari per combattere l'Ebola e creare cliniche migliori.

Ieri il capo del FMI ha dichiarato al G20 di voler aumentare la capacità di questo processo di soccorso in caso di catastrofe che può aiutare i paesi poveri alle prese con la salute e gli impatti economici del coronavirus.

Questa è una notizia molto gradita.

Ora abbiamo bisogno del tuo aiuto per garantire che più paesi possano accedere a questo e ad altri processi del FMI che erogano aiuti, annullano il debito e aiutano il nostro mondo a mitigare gli impatti economici e sanitari del coronavirus. La nostra petizione chiede che i pagamenti del debito si fermino mentre i paesi combattono il coronavirus e i suoi impatti economici.

E ieri - il presidente della Banca mondiale ha incoraggiato il G20 a fermare i pagamenti del debito per i paesi molto poveri.

I ministri delle finanze africani hanno chiesto la sospensione dei pagamenti del debito per liberare 44 miliardi di dollari per combattere il Covid-19. Il Congresso dell'Ecuador ha anche chiesto al suo governo di smettere di pagare il debito.

Lunedì, la guida di Jubilee USA ha scritto il capo del FMI e ha esortato:

  • Rafforzare l'assistenza sanitaria nei paesi in via di sviluppo colpiti da Covid-19 aumentando la riduzione del debito e gli aiuti attraverso la catastrofe Contenimento e Soccorso fiduciario e altri processi estesi

  • Mobilitare ulteriori risorse finanziarie per sostenere tutti i paesi colpiti dagli impatti economici e sanitari del coronavirus

  • Miglioramento della ristrutturazione del debito, emissione di moratorie per il pagamento del debito e creazione di processi di riprofilatura del debito per i paesi colpiti dal coronavirus

  • Consigliare ai paesi di emergere dalla crisi con maggiore resilienza incoraggiando politiche e accordi per aumentare le protezioni per i vulnerabili, instillare una maggiore trasparenza del bilancio pubblico, attuare crisi finanziarie e protezioni del mercato, promuovere prestiti e prestiti responsabili e frenare la corruzione e l'evasione fiscale

 Il comitato esecutivo di Jubilee USA, il reverendo Steve Herder, Celeste Drake, il rabbino Matthew Cutler, il reverendo Aniedi Okure e io abbiamo notato nella nostra lettera al capo della FISM:

“Le previsioni economiche avvertono che una possibile crisi finanziaria o depressione, stimolata dal coronavirus, potrebbe essere peggiore della crisi finanziaria del 2008. Quasi 100 milioni di persone, per lo più donne e bambini, sono stati spinti in condizioni di estrema povertà e 22 milioni di posti di lavoro sono andati persi in tutto il mondo nella crisi del 2008. L'Organizzazione Internazionale del Lavoro afferma che il numero di posti di lavoro persi potrebbe superare i 50 milioni a causa di una nuova e più profonda crisi finanziaria ... Una risposta ben progettata e coordinata a livello globale dalla comunità internazionale può fare molto per prevenire e mitigare gli impatti di la crisi del Covid-19 e portarci verso un percorso di ripresa ".

Unisciti a noi ora e sollecita l'azione del Fondo monetario internazionale.

Nei prossimi giorni e settimane, Jubilee USA offrirà ulteriori analisi e raccomandazioni per i responsabili delle decisioni statunitensi e internazionali. Più che mai, contiamo su di te per agire e partecipare alle nostre campagne.

Con le nostre voci unite, possiamo recuperare da questo momento e costruire una comunità globale più resiliente.

Nella speranza

Eric Le Compte


La vita a Roma e la Casa Oblata durante il virus Covid-19 Marzo 23rd, 2020

Di p. Salvador González, OMI

Fr. Ministri González a Centro di ritiro e rinnovo di King's House a Belleville, Illinois

P. Salvador González, OMI

Oblato p. Fernando Velazquez, OMI, è un Oblato della Provincia degli Stati Uniti che studia a Roma per il dottorato in Missiologia. Insieme a tutta la comunità della Casa Generalizia di Roma, p. Fernando sta vivendo in prima persona le conseguenze del virus Corvid-19. P. Fernando ed io siamo amici dal 1994. L'ho conosciuto quando ero nel programma di prenoviziato a Tijuana, e Fernando era un giovane che visitava la casa di formazione come parte del gruppo affiliato che avevamo a Mexicali, AC Dopo aver sentito delle drastiche misure messe in atto dal governo italiano che includevano il confinamento domiciliare, ho chiamato p. Fernando mercoledì 11 marzo 2020, per vedere come stava e voglio condividere un po 'della nostra conversazione con tutti voi.

P. Fernando Velazquez, OMI

Il virus Corvid-19 ha rapidamente cambiato il modo in cui viviamo qui negli Stati Uniti ma le misure non sono ancora così rigorose come in Italia. Nella città di Roma e in tutta Italia i residenti sono confinati nelle loro case. I residenti possono uscire solo per prendere cibo dai negozi di alimentari o medicinali dalle farmacie. I checkpoint sono posizionati in tutta la città per assicurarsi che i residenti seguano le istruzioni. La polizia è presente per verificare che le persone per strada visitino solo luoghi autorizzati. P. Fernando mi dice che il posto di controllo della polizia più vicino al loro quartiere è presso la famosa piccola cappella della Madonna del Riposo, che è ben nota a qualsiasi visitatore della Casa Generalizia.

Leggi l'articolo completo sul sito web di OMIUSA.

 


Il Congresso ha esortato a dare priorità alle comunità della lotta nella lettera di accesso COVID-19 Marzo 20th, 2020

Leggi la lettera completa qui.

Ecco un estratto dalla lettera. OMI GPIC è tra i firmatari.

L'epidemia di Coronavirus, o COVID-19, ha scosso i paesi di tutto il mondo e minaccia una recessione. L'incertezza cresce man mano che le comunità stanno lottando per rispondere. Apprezziamo il Congresso per aver lavorato in modo bipartisan per passare rapidamente i pacchetti di risposta iniziale. Sappiamo anche che sono insufficienti. Veniamo da una varietà di prospettive di fede, ma i nostri principi morali e insegnamenti scritturali affermano tutti che dobbiamo dare la priorità alle persone più bisognose e consentire a tutte le persone di vivere con dignità e l'opportunità di prosperare.

Man mano che sviluppi un terzo pacchetto legislativo in risposta allo scoppio del Coronavirus, ti invitiamo di nuovo a dare priorità ai bisogni delle persone economicamente a rischio e delle loro famiglie. Abbiamo l'obbligo sacro e morale di garantire che risorse adeguate raggiungano coloro che non hanno la capacità finanziaria di superare questa crisi. L'amore per il prossimo e la cura delle persone in condizioni di povertà devono essere il segno distintivo degli sforzi del Congresso per arginare questa emergenza sanitaria e qualsiasi crisi economica correlata.

Leggi la lettera completa qui.

Torna all'inizio