Logo OMI
News
Traduci questa pagina:

Notizie recenti

News feed

Archivio News


Video e audio più recenti

Più video e audio>

Archivio notizie »Don Daniel LeBlanc OMI


Don Daniel LeBlanc, OMI, moderato ONG Side Event al 17th Forum permanente delle Nazioni Unite sui temi indigeni Maggio 3rd, 2018

Il Forum permanente delle Nazioni Unite sulle questioni indigene (UNPFII) ha tenuto la sua diciassettesima sessione dal 16 al 27 aprile. Il tema del forum 2018 era; "Diritti collettivi dei popoli indigeni su terre, territori e risorse". Secondo l'UNPFII, i popoli indigeni sono eredi e praticanti di culture e modi unici di relazionarsi con le persone e l'ambiente. I popoli indigeni hanno conservato caratteristiche sociali, culturali, economiche e politiche distinte da quelle delle società dominanti in cui vivono. Diverse comunità indigene da tutto il mondo erano rappresentate all'UNPFII. Molti di loro hanno avuto l'opportunità di presentare dichiarazioni su questioni di interesse alle loro diverse comunità.

Il presidente dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, il signor Miroslav Lajčák, nelle sue osservazioni di apertura al forum, ha dipinto il quadro cupo della situazione degli oltre 300 milioni di popolazioni indigene in tutto il mondo. Ha notato che mentre i popoli indigeni costituiscono circa il 5% della popolazione mondiale, comprendono il 15% delle persone più povere del mondo. Una situazione che ha definito "scioccante". Il signor Lajčák ha anche evidenziato alcune delle sfide affrontate dalle popolazioni indigene come violazioni dei loro diritti umani, emarginazione e violenza che devono affrontare per affermare i propri diritti. Concentrandosi sul tema della terra, dei territori e delle risorse indigene, il signor Lajčák ha sottolineato che "i popoli indigeni vengono espropriati delle terre che i loro antenati chiamavano casa", spesso da grandi agricoltori e multinazionali e corporazioni minerarie.

In una recente relazione di Conselho Indigenista Missionaria (“Consiglio missionario indigeno” - una filiale della Conferenza nazionale dei vescovi del Brasile), alcune delle sfide affrontate da un certo numero di comunità indigene in Brasile (così come comunità indigene in tutto il mondo) includono; alto tasso di suicidio, mancanza di saluteLa cura, l'alta mortalità infantile, l'abuso di alcool e droghe, la mancanza di educazione indigena e la mancanza di generale supporto dallo stato.

Evento delle ONG at Uniti Nazioni 17th Forum permanente sulle questioni indigene

Come parte dei numerosi eventi collaterali del Forum, in aprile 18 don Daniel LeBlanc, OMI, ha moderato una sessione su "Connessione spirituale e corretta gestione della terra, del territorio e delle risorse, inclusa l'acqua per i popoli indigeni,"Con i relatori che includevano:

  • Atilano Alberto Ceballos Loeza - Leader nelle pratiche agricole sostenibili e difensore della terra e del territorio nello Yucatan
  • Elvia de Jesús Arévalo Ordóñez - Membro del Consiglio di Governo della Comunità CASCOMI (Comunità Amazzonica di Azione Sociale Cordillera del Cóndor Mirador), integrata da famiglie native e coloni della parrocchia Tundayme-Ecuador
  • Augostina Mayán Apikai - La leader indigena Awajún nata a Cordoncanqui è la presidente dell'Organizzazione per lo sviluppo delle comunità di confine di Cenepa - ODECOFROC. http://odecofroc-es.blogspot.com/p/nuestra-organizacion.html
  • Leila Rocha - Guarani Ñandeva, membro del consiglio di amministrazione di Aty Guasu Guarani e Kaiowá, Mato Grosso do Sul
  • Sachem HawkStorm - Schaghticoke First Nations

L'evento si è tenuto presso il Centro della chiesa episcopale di New York e organizzato da Oblati missionari di Maria Immacolata; Gruppo di lavoro delle miniere delle Nazioni Unite; Comitato delle ONG sui diritti delle popolazioni indigene; Congregazione della missione; VIVAT International; Caritas International; Conferenza domenicana di leadership; Franciscans International; Red Eclesial Pan Amazónica (REPAM); Consiglio missionario indigeno (CIMI); Sunray Meditation Society

Per saperne di più:

Forum permanente delle Nazioni Unite sulle questioni indigene: https://bit.ly/2pvCccv

Notizie delle Nazioni Unite sui diritti alla terra dei popoli indigeni: https://bit.ly/2H4EU1M

Conselho Indigenista Missionaria riferisce sulla violenza contro le popolazioni indigene in brasile in inglese, spagnolo e portoghese: https://bit.ly/2F1w133

 


Missionary Oblates e Vivat International co-sponsorizzano Women's Event @ ONU Marzo 10th, 2017

Foto per gentile concessione di Sr. Nathaniel Lee, LSHF

Oblati missionari e Vivat International, insieme con il Comitato delle ONG per lo sviluppo sociale, le Comitato delle ONG per il finanziamento dello sviluppo (presieduto da p. Daniel LeBlanc, OMI) e una serie di organizzazioni di supporto, tra cui il Fondo internazionale Virginia Gildersleeve, stanno ospitando un evento su 13 Marzo 2017 all'ONU Conferenza sullo status delle donne (CSW). 

L'obiettivo di questo evento è di generare discussioni sostanziali sul tema dell'inclusione finanziaria come strumento per l'emancipazione delle donne e l'emancipazione della povertà.

Scarica il volantino dell'evento qui.


PP. Daniel LeBlanc e Antonio Ponce conducono un workshop di una settimana in Guatemala 28 febbraio 2017

Iinvitato da p. Felix Garcia, OMI, maestro dei novizi, p. Daniel LeBlanc, OMI e Antonio Ponce, OMI ha condotto un seminario di una settimana al noviziato in Guatemala CA p. Daniel ha parlato della presenza dell'OMI alle Nazioni Unite, mentre p. Antonio ha presentato le attività di GPIC dell'OMI negli Stati Uniti e nel mondo.


Lancio dell'agenda di sviluppo post-2015 ufficialmente lanciata Ottobre 15th, 2015

 

Panoramica

70 delle Nazioni Uniteth sessione convocata a New York a settembre 2015 con l'adozione formale degli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) dai suoi stati membri 193. Gli SDG sostituiscono i Millennium Development Goals (MDG), l'agenda di sviluppo prevalente dopo 2000, che si è conclusa con 2015. Come il suo precursore, gli SDG avranno un intervallo di tempo 15 e resteranno in vigore fino a 2030. È il risultato di un processo consultivo internazionale che ha avuto origine durante la riunione Rio + 20 in 2012.

Alcuni considerano gli SDG come il più coraggioso programma anti-povertà delle Nazioni Unite, come espresso dal Segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki Moon, che li ha definiti "17 obiettivi audaci ma realizzabili che mirano a porre fine alla povertà".

Gli obiettivi 17 coprono una vasta gamma di questioni sociali, economiche e ambientali: povertà e fame, miglioramento della salute e dell'istruzione, riduzione della disuguaglianza e lotta ai cambiamenti climatici. Sono stati salutati come un passo avanti dagli MDG perché affrontano questioni più attuali e comprendono tutti i paesi ricchi e poveri.


Partecipazione oblata

 

image001 [2]

Don Daniel LeBlanc OMI

Oltre ai governi, i gruppi della società civile hanno partecipato attivamente ai processi che hanno portato all'adozione finale dell'accordo globale. Nell'ultimo anno e mezzo, padre Daniel LeBlanc OMI, rappresentante di GPIC presso le Nazioni Unite ha collaborato con diversi gruppi di lavoro tra cui il gruppo di lavoro minerario, la Confederazione sindacale internazionale e il gruppo delle popolazioni indigene. Questi gruppi hanno lavorato per l'inclusione di una prospettiva sui diritti umani nell'accordo finale. Alcuni di questi diritti includono il diritto all'acqua e ai servizi igienici, il diritto a un lavoro dignitoso, i diritti delle popolazioni indigene e l'eliminazione della povertà estrema.

 

Un'area di particolare interesse per la società civile e le altre parti interessate è la questione di come gli obiettivi saranno finanziati dai singoli paesi. All'inizio di quest'anno, ad Addis Abeba, in Etiopia, si è svolto un processo negoziale separato alla 3rd Financing for Development Conference. P. Daniel LeBlanc OMI si è unito ad altri gruppi della società civile per spingere per un nuovo ed esteso processo di follow-up che consentirà alla società civile di monitorare meglio se i paesi soddisfano il loro impegno e forniscono sostegno ai paesi in difficoltà. Senza il necessario finanziamento, molti paesi non riusciranno a raggiungere i loro obiettivi e traguardi entro il tempo 2015-2030.

sgs-sintesi-report-image

Gli SDG sono organizzati in base agli "elementi essenziali" di 6: o Dignità o Prosperità o Giustizia o Partenariato o Pianeta o Persone

Ulteriori risorse sugli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) sono disponibili su questi siti Web:

1. Conferenza degli Stati Uniti dei vescovi cattolici (USCCB) Background sugli obiettivi di sviluppo sostenibile

2. Obiettivi di sviluppo sostenibile di Caritas Internationalis (SDGS): Domande frequenti 

3. Scarica un Lettera aperta a papa Francis dal gruppo di lavoro minerario delle Nazioni Unite:

Grazie a don Daniel LeBlanc, OMI, rappresentante Oblato all'ONU, per questa informazione

 

 

 

 

 

Torna all'inizio