Logo JPIC OMI

Giustizia, pace e integrità della creazione

Oblati missionari di Maria Immacolata  Provincia degli Stati Uniti

Logo OMI
News
Traduci questa pagina:

Notizie recenti

News feed

Archivio News


Video e audio più recenti

Più video e audio>

Archivio notizie »Jubilee USA Network


La rete Mission of Jubilee USA rimane critica 15 Aprile 2020

Mentre i principali blocchi commerciali e istituzioni finanziarie del mondo si riuniscono nei prossimi giorni per affrontare la crescente crisi del coronavirus, molte delle più grandi istituzioni religiose le stanno esortando a proteggere i poveri del mondo fornendo alleggerimento del debito e risorse aggiuntive.

Nei giorni scorsi, OMI JPIC si è unita a 80 istituzioni religiose nazionali, congregazioni e partner in una lettera organizzata da Jubilee USA Network per affrontare la crisi del coronavirus. La lettera è stata consegnata alla Casa Bianca, al G20 e al FMI.

I firmatari della lettera si uniscono alle chiamate di Papa Francesco, dei Vescovi cattolici statunitensi e di 165 leader mondiali che incoraggiano risorse aggiuntive, aiuti e riduzione del debito per garantire che tutti i paesi possano resistere alla crisi.

Sul fronte positivo, all'inizio di questa settimana il Fondo monetario internazionale ha approvato $ 500 milioni per cancellare sei mesi di pagamenti del debito per 25 dei paesi più poveri del mondo: Afghanistan, Benin, Burkina Faso, Repubblica Centrafricana, Ciad, Comore, Repubblica Democratica del Congo, Gambia, Guinea, Guinea-Bissau, Haiti, Liberia, Madagascar, Malawi, Mali, Mozambico, Nepal, Niger, Ruanda, São Tomé e Principe, Sierra Leone, Isole Salomone, Tagikistan, Togo e Yemen.

Mentre applaude a questa mossa, Eric LeCompte, direttore esecutivo di Jubilee USA Network, sta spingendo per un ampliamento di questo elenco per includere più paesi in cui le persone vivono in condizioni di estrema povertà.

Anche reagendo agli eventi di questa settimana, p. Séamus Finn, OMI, direttore GPIC dei Missionari Oblati, ha osservato: “le catene dell'indebitamento finanziario hanno imprigionato milioni di persone in tutto il mondo per troppi anni. Dobbiamo continuare a premere su questa questione critica che abbiamo costantemente evitato nel corso dei decenni ". "Questa crisi potrebbe fornirci uno scenario" nessun'altra scelta "poiché riconosciamo che siamo tutti in questa situazione insieme", aggiunge.

I Missionari Oblati furono i fondatori di Jubilee USA e sono stati membri attivi nel corso degli anni.

Leggi di più sulle recenti azioni di Jubilee USA Network di visitando il loro sito web


Jubilee USA Network petizioni FISM per sostenere l'assistenza sanitaria per le persone più povere del mondo Marzo 25th, 2020

Coronavirus del FMI Azione: proteggere vulnerabili, prevenire le crisi finanziarie

Amici,

Il coronavirus colpisce tutti noi.

La mia famiglia e tutti noi di Jubilee USA tengono in preghiera te e il nostro mondo. Per favore, mantieni noi e la nostra missione vitale anche nei tuoi pensieri e nelle tue preghiere.

Man mano che il coronavirus prende vita, colpisce i mercati, colpisce l'assistenza sanitaria e guida una potenziale crisi finanziaria globale, firmerai la nostra petizione urgente del FMI per cancellare il debito ed espandere gli aiuti per rafforzare l'assistenza sanitaria per i paesi colpiti da Covid-19?

Quando firmi la nostra petizione, solleciti azioni che possano proteggere tutti noi dalla crisi finanziaria, sollevare i vulnerabili e garantire che il nostro mondo emerga per essere più resistente di fronte a questa pandemia.

Grazie al nostro lavoro insieme, abbiamo creato processi globali per rafforzare l'assistenza sanitaria nei paesi in via di sviluppo quando colpiscono disastri e si diffondono malattie mortali. Dieci anni fa, quando i terremoti hanno decimato Haiti, abbiamo spostato il Fondo monetario internazionale per creare un processo per alleviare il debito di Haiti e rafforzare i sistemi sanitari ed educativi di Haiti. Nel 2014, quando l'epidemia di Ebola ha devastato la Guinea, la Liberia e la Sierra Leone, abbiamo trasformato con successo il processo del FMI. Il Catastrophe Containment and Relief Trust ha creato sovvenzioni sanitarie innovative, riduzione del debito e centinaia di milioni di dollari per combattere l'Ebola e creare cliniche migliori.

Ieri il capo del FMI ha dichiarato al G20 di voler aumentare la capacità di questo processo di soccorso in caso di catastrofe che può aiutare i paesi poveri alle prese con la salute e gli impatti economici del coronavirus.

Questa è una notizia molto gradita.

Ora abbiamo bisogno del tuo aiuto per garantire che più paesi possano accedere a questo e ad altri processi del FMI che erogano aiuti, annullano il debito e aiutano il nostro mondo a mitigare gli impatti economici e sanitari del coronavirus. La nostra petizione chiede che i pagamenti del debito si fermino mentre i paesi combattono il coronavirus e i suoi impatti economici.

E ieri - il presidente della Banca mondiale ha incoraggiato il G20 a fermare i pagamenti del debito per i paesi molto poveri.

I ministri delle finanze africani hanno chiesto la sospensione dei pagamenti del debito per liberare 44 miliardi di dollari per combattere il Covid-19. Il Congresso dell'Ecuador ha anche chiesto al suo governo di smettere di pagare il debito.

Lunedì, la guida di Jubilee USA ha scritto il capo del FMI e ha esortato:

  • Rafforzare l'assistenza sanitaria nei paesi in via di sviluppo colpiti da Covid-19 aumentando la riduzione del debito e gli aiuti attraverso la catastrofe Contenimento e Soccorso fiduciario e altri processi estesi

  • Mobilitare ulteriori risorse finanziarie per sostenere tutti i paesi colpiti dagli impatti economici e sanitari del coronavirus

  • Miglioramento della ristrutturazione del debito, emissione di moratorie per il pagamento del debito e creazione di processi di riprofilatura del debito per i paesi colpiti dal coronavirus

  • Consigliare ai paesi di emergere dalla crisi con maggiore resilienza incoraggiando politiche e accordi per aumentare le protezioni per i vulnerabili, instillare una maggiore trasparenza del bilancio pubblico, attuare crisi finanziarie e protezioni del mercato, promuovere prestiti e prestiti responsabili e frenare la corruzione e l'evasione fiscale

 Il comitato esecutivo di Jubilee USA, il reverendo Steve Herder, Celeste Drake, il rabbino Matthew Cutler, il reverendo Aniedi Okure e io abbiamo notato nella nostra lettera al capo della FISM:

“Le previsioni economiche avvertono che una possibile crisi finanziaria o depressione, stimolata dal coronavirus, potrebbe essere peggiore della crisi finanziaria del 2008. Quasi 100 milioni di persone, per lo più donne e bambini, sono stati spinti in condizioni di estrema povertà e 22 milioni di posti di lavoro sono andati persi in tutto il mondo nella crisi del 2008. L'Organizzazione Internazionale del Lavoro afferma che il numero di posti di lavoro persi potrebbe superare i 50 milioni a causa di una nuova e più profonda crisi finanziaria ... Una risposta ben progettata e coordinata a livello globale dalla comunità internazionale può fare molto per prevenire e mitigare gli impatti di la crisi del Covid-19 e portarci verso un percorso di ripresa ".

Unisciti a noi ora e sollecita l'azione del Fondo monetario internazionale.

Nei prossimi giorni e settimane, Jubilee USA offrirà ulteriori analisi e raccomandazioni per i responsabili delle decisioni statunitensi e internazionali. Più che mai, contiamo su di te per agire e partecipare alle nostre campagne.

Con le nostre voci unite, possiamo recuperare da questo momento e costruire una comunità globale più resiliente.

Nella speranza

Eric Le Compte


Jubilee USA: mantenere le promesse per lo sviluppo finanziario Dicembre 20th, 2019

Autore: Eric LeCompte, direttore esecutivo, Jubilee USA Network (OMI JPIC Partner)

Secondo l'UNCTAD, gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) potrebbero essere raggiunti con un investimento di 5-7 trilioni di dollari USA. Se finanziamo gli SDG, la Commissione per lo sviluppo sostenibile e le imprese osserva che potrebbero essere creati 12 trilioni di dollari di nuove opportunità di mercato e 380 milioni di nuovi posti di lavoro. Eppure sappiamo che il mondo in via di sviluppo sta perdendo un trilione di dollari all'anno, e secondo l'ultimo rapporto del FMI - 15 trilioni di dollari USA sono detenuti in paradisi fiscali e paradisi del segreto finanziario.

L'UNCTAD rileva che la sostenibilità del debito nei paesi in via di sviluppo si sta "deteriorando rapidamente" e il Fondo Monetario Internazionale afferma che, lo scorso agosto, il 47% dei paesi a basso reddito era in crisi del debito o in difficoltà. Gli esseri umani stanno soffrendo. In troppi paesi poveri, i debiti elevati significano che le persone non mangiano, le persone non vedono i medici e le comunità non essere preparati ad affrontare il caos causato da tsunami, uragani, terremoti e altri eventi meteorologici estremi. Leggi l'articolo completo su Sito web di Friedrich-Ebert-Stiftung.

 Friedrich-Ebert-Stiftung ((FES) è una fondazione tedesca senza scopo di lucro 

 

Torna all'inizio