Logo JPIC OMI

Giustizia, pace e integrità della creazione

Oblati missionari di Maria Immacolata  Provincia degli Stati Uniti

Logo OMI
News
Traduci questa pagina:

Notizie recenti

News feed

Archivio News


Video e audio più recenti

Più video e audio>

Archivio notizie »mining


DOWA Metals & Mining è una minaccia per il Chilkat Watershed 16 Aprile 2021

Foto per gentile concessione di Timothy Eberly, Unsplash

AGIRE: AIUTATECI A FERMARE QUESTA MIA!

Il fiume Chilkat - "Jilkaat Heeni" in lingua tlingit, che significa "contenitore di stoccaggio per il salmone" - scorre dalle sue sorgenti nelle Coast Mountains della British Columbia, in Canada, nel mare vicino ad Haines, in Alaska.

Lo spartiacque è stato risolto millenni fa ed è il territorio tradizionale del popolo Chilkat Tlingit. Oggi, lo spartiacque rimane centrale, economicamente e culturalmente, al Chilkat Indian Village di Klukwan, una tribù riconosciuta a livello federale. I raccolti tradizionali, in particolare di salmone selvatico ed eulachon, sono la linfa vitale del villaggio.

L'azienda di fonderia giapponese DOWA Metals and Mining ha assunto il controllo del Palmer Mine Project alle sorgenti del Chilkat Watershed. Invia questa lettera a DOWA, chiedendo al Consiglio di amministrazione di smettere di finanziare questa miniera. 
 
Visita questo sito web a leggi di più e invia la lettera.
 

 


Fr. Séamus Finn, OMI, partecipa al terzo giorno di riflessione su "Estrazione per il bene comune" 8 maggio 2019

P. Séamus ha partecipato a una Giornata di riflessione su "Le miniere per il bene comune" a Roma, in Italia, dove Papa Francesco si è rivolto ai partecipanti all'evento di venerdì, maggio 3rd. Questo segna il tempo 3rd una giornata di riflessione sul ruolo del mining è stata convocata in Vaticano dal Dicastero per lo Sviluppo Umano Integrale. Due eventi su un tema simile sono stati convocati dall'Arcivescovo di Canterbury a Lambeth Palace in 2014 e 2016.

Tutti questi eventi si sono confrontati con il ruolo dell'estrazione mineraria nel corso della storia pur riconoscendo sia i numerosi contributi alla realizzazione umana che allo stesso tempo le sue conseguenze distruttive e molto negative per alcune regioni del pianeta, e per le popolazioni e le comunità che hanno chiamato alcune delle queste aree sono rimaste a casa per secoli.

Papa Francesco ha evidenziato una serie di temi e problemi sollevati dalle miniere per le tradizioni di fede, i governi, il pianeta, le popolazioni indigene e la società civile. Ha anche suggerito alcune delle strade e delle domande che dobbiamo prendere in considerazione nella nostra ricerca di risposte. Questi sono entrambi sulla scala macro di riforma del sistema economico in cui operano le imprese estrattive e limitando lo stile di vita consumistico dei rifiuti che molti di noi seguono.

Nel suo discorso, Papa Francesco ha anche sottolineato la necessità di un dialogo multi-stakeholder che includa tutte le parti, comprese quelle molto critiche del settore. Ha incoraggiato tutti i partecipanti a prendere parte a questi impegni in uno spirito di dialogo genuino che cerca di fornire soluzioni che dimostrino un'autentica cura per la "nostra casa comune" e assicuri che coloro che non hanno accesso ai bisogni umani di base traggano vantaggio dalle risorse prodotte dall'estrazione. Vede anche un ruolo per le religioni nel promuovere questo tipo di dialoghi, articolando una visione che collega le persone, il pianeta e il trascendente.

Leggi di più:

Discorso di Papa Francesco ai partecipanti alla 3a Giornata di riflessione su “Estrarre per il bene comune”

Papa Francesco all'industria mineraria: rispetta i diritti delle popolazioni indigene

 


Prossimo evento: dialogo sulle dimensioni etiche delle industrie estrattive Gennaio 31st, 2018

Ufficio Giustizia, Pace e Integrità del Creato di OMI Lacombe in collaborazione con Santo
Università Paul cambiano ciclicamente lieto di invitarvi a un dialogo mattutino.

Partecipa all'evento o guardalo online. Informazioni sulla registrazione di seguito.


Dove: St. Paul University, 223 Main Street, Ottawa, CANADA - Laframboise Hall

Quando: febbraio 13, 2018 - 9: 30am in 12: 00pm EDT

Intitolato Dimensioni etiche delle industrie estrattive nella dottrina sociale cattolica, l'evento è un'opportunità per un dibattito aperto Laudato Si's chiede un cambiamento nelle pratiche minerarie delle industrie moderne. Mentre denuncia le violazioni on diritti umani, ambiente e approccio non sostenibile e irresponsabile degli attuali settori estrattivi, anche questa è un'opportunità insieme trovare alternative per il cambiamento e migliori pratiche.

I relatori ospiti sono:
Mr. Jim Cooney, Docente al Norman B. Keevil Institute of Mining Engineering presso l'Università della British Columbia (UBC), Canada; chi parlerà di Mining e di sviluppo sostenibile da un Laudato Si ' prospettiva

Rev. Seamus Finn, OMI, Capo per l'OIP Investment Trust e consulente per la Provincia US JPIC ufficio, che si occuperà delle dimensioni etiche cattoliche delle industrie estrattive.

Siete invitati a partecipare a questo importante evento che mira ad alimentare il pensiero di coloro che vogliono far parte di una grande coalizione per il cambiamento sociale.

Per partecipare all'incontro a Saint Paul, registrati 

Per lo streaming online, non è necessaria la registrazione. Puoi partecipare dal vivo Febbraio 13, 2018 - 9: 30am a 12: 00pm EDT cliccando 

Per ulteriori informazioni sull'evento o per registrarsi, non esitate a contattare:

Fernanda de Castro - Ufficio GPIC
jpic@ustpaul.ca
613-236-1393 ext.2661, o

Leonardo Rego OMI
613-236-1393 ext.2660


Gli oblati danno una voce ai minatori Marzo 23rd, 2017

(Originariamente pubblicato su OMIUSA.org)

Di Mike Viola

Gli Oblati missionari stanno espandendo il loro ruolo di difensori dei diritti dei minatori in tutto il mondo.

Padre Seamus Finn, OMI dell'ufficio degli Stati Uniti per la giustizia, la pace e l'integrità del creato degli Oblati, ha partecipato a una giornata di riflessione sull'industria mineraria sponsorizzata dal Pontificio Consiglio per la giustizia e la pace.

I CEO delle miniere, i rappresentanti del Pontificio Consiglio e le congregazioni religiose di tutto il mondo hanno esaminato i modi in cui le compagnie minerarie possono migliorare il loro record in termini di responsabilità umane e ambientali, raggiungendo allo stesso tempo i loro obiettivi di business.

Padre Finn ha detto che il giorno della riflessione ha mostrato ai dirigenti minerari che il loro successo non dovrebbe essere giudicato solo in termini monetari, ma anche dall'impatto che le loro aziende hanno sulla vita delle persone.

Fr. Séamus Finn, OMI

"Ora capisco meglio il significato di un approccio di coinvolgimento diretto dalle persone", ha affermato David Noko, Vicepresidente della sostenibilità per AngloGold Ashanti, una delle più grandi società di estrazione dell'oro del mondo. "Ho più potere di includere nella mia strategia aziendale un nuovo modo di impegno fondato su solidi principi di bene sociale e sostenibilità ambientale".

Padre Finn ha anche partecipato a un dialogo a Lima, in Perù, sull'impatto dell'attività mineraria nelle comunità locali dell'America Latina. Sta aiutando a sviluppare strategie e reti per affrontare gli impatti distruttivi del mining. "Gli estratti, il petrolio minerario e l'esplorazione del gas svolgono un ruolo importante in tutto il mondo, imponendo anche grandi sconvolgimenti e danni alle comunità locali e all'ambiente", ha affermato p. Finn. "La ricerca di una via da seguire che affronti il ​​più grave di questi impatti negativi è stata ripresa da una serie di iniziative diverse".

Padre Gilbeto Pauwels, Direttore OMI del Centro di ecologia e popolo andino di Oruro, Bolivia, conosce in prima persona gli effetti devastanti che l'estrazione mineraria può avere sulle comunità. Gli Oblati in Bolivia combattono da più di 50 anni contro questa ingiustizia.

Minatori in Bolivia

In 1960 sono iniziati gli Oblati Radio Pio XII per trasmettere il supporto per i minatori di stagno boliviani. La stazione trasmette ancora oggi nonostante la forte opposizione al suo messaggio.

Padre Roberto Durette, OMI è stato il direttore di Radio Pio XII da quasi 40 anni. Nonostante sia sopravvissuto a diversi tentativi di assassinio, p. Roberto è imperterrito nella sua appassionata lotta per i diritti dei minatori.

Padre Finn ha detto che la giornata di riflessione ha approfondito la sua consapevolezza della necessità di difendere i minatori. "La tavola rotonda in Vaticano non è stata solo un evento occasionale", ha detto. "Questo è un progetto in corso."


La comunità religiosa e l'industria mineraria si impegnano in una giornata di conversazioni coraggiose Ottobre 23rd, 2015

P. Seamus a BishopscourtIl processo di impegno tra l'industria mineraria e la comunità di fede ha compiuto un passo molto diverso e innovativo a ottobre 9th quando l'arcivescovo anglicano di Cape Town, l'arcivescovo Thabo Makgoba, ha ospitato una conversazione incentrata sull'estrazione mineraria nell'Africa meridionale e ancor più specificamente sul Sudafrica. Questo evento è stato preceduto da tre giorni di riflessione precedenti; due ospitate in Vaticano dal cardinale Peter Turkson, e una a Lambert a Londra ospitata dall'arcivescovo di Canterbury e dal presidente della British Methodist Conference. La conversazione è stata immersa nei tradizionali momenti di preghiera di Evensong e Morning Eucharist. L'evento si è aperto nella cattedrale di San Giorgio Martire nel centro di Città del Capo e l'Eucaristia mattutina è stata celebrata nella storica chiesa del Buon Pastore Protea, situata ai margini di Kirstenbosch e vicino a Bishopscourt, residenza dell'arcivescovo.

Il giorno della conversazione coraggiosa era inteso a fornire uno spazio sicuro per un esame multi-prospetto dei problemi, delle opportunità e delle sfide che l'estrazione mineraria in Sudafrica presenta e per esplorare quali iniziative potrebbero essere intraprese per affrontare queste realtà.

Sia nelle preghiere di apertura che nel suo discorso di apertura, l'arcivescovo Magoba non ha evitato le dure e dolorose realtà che l'industria ha incontrato e causato. Nel servizio di apertura è stata offerta la seguente preghiera. L'arcivescovo ha composto la preghiera durante il prolungato sciopero a Marikana, luogo di grande scontro tra minatori e polizia nell'agosto 2012, quando morirono oltre 40 persone.

Cattedrale di San Giorgio Martire

"Signore, siamo ancora in lutto e in lutto. Stiamo ancora cercando la verità completa su Marikana. Non possiamo uccidere e mutilare per sostenere l'ineguaglianza. Signore, c'è qualcosa di sbagliato in questo sistema economico e noi lo sappiamo. Possano proprietari, investitori e azionisti sentire il dolore e il desiderio di pace. Possono i lavoratori e i proprietari delle miniere trovarsi l'un l'altro. Può ulteriormente ferire, dolore e uccisioni, e la politica può servire il popolo per il bene della pace.

 

Nel suo discorso di apertura l'arcivescovo ha raccontato i suoi legami con l'industria mineraria. Ha parlato di come suo padre, "un ministro della chiesa autosufficiente", ha viaggiato come venditore di vestiti attraverso le città minerarie a ovest di Johannesburg. Ha anche parlato della sua esperienza come psicologo che lavora con minatori che avevano subito lesioni al midollo spinale.

Ha riconosciuto che uno dei passi importanti in una giornata di conversazioni coraggiose è il riconoscimento delle carenze ArchbishopMakgobae fallimenti e ha elencato alcuni dei modi in cui le "chiese hanno fallito l'industria mineraria". Questi includevano "quanto mineraria rischiosa è economicamente"; come non abbiamo capito "le aspirazioni delle persone che vogliono guadagnare R12,500 al mese (circa $ 920 dollari USA) per lavorare in condizioni di caldo estremo sulle fermate (tagliare gli spazi aperti) che giacciono chilometri in terra"; o "i vincoli ai dirigenti che devono affrontare la pressione incessante di soddisfare le aspettative degli azionisti per ottenere risultati migliori ogni trimestre".

Egli suggerì che il processo per la conversazione fosse uno "di lamento nel senso del Libro delle Lamentazioni nell'Antico Testamento", dove andiamo oltre lo sguardo dell'ombelico e esponendo la nostra vulnerabilità ma "esponendola come uno strumento per la leadership, perché puoi Diciamo andiamo avanti insieme senza riconoscere i fallimenti del passato ". Ha inoltre spiegato che l'obiettivo della giornata sarebbe stato raggiunto se ogni partecipante porta "le proprie preoccupazioni e contributi unici a questa conversazione, e ciò che è di primaria importanza è che ognuno di noi cerca di mettersi nei panni di coloro con cui siamo in dialogo ".

L'arcivescovo Makgoba ha elencato le seguenti preoccupazioni che erano nella sua mente: problemi di salute e sicurezza delle mine, degrado ambientale, coesione sociale e disparità di ricchezza. Ha invitato i lavoratori a esaminare i modelli per lavorare insieme alla direzione e ha chiesto al management di "guardare all'enorme disparità tra la retribuzione dei dirigenti e quella dei lavoratori".

SouthAfricaMining

Attraverso una serie di pannelli e discussioni in piccoli gruppi, i partecipanti di 30 plus hanno seguito il consiglio dell'arcivescovo ed erano sinceri e attenti nelle loro osservazioni e nel loro ascolto. Tra le altre questioni sollevate c'erano preoccupazioni sulla "ricchezza collettiva e disparità di reddito"; l'inadeguatezza della percentuale di profitti che vengono restituiti alle comunità locali dei siti minerari; e il ruolo del governo e la perdita della loro voce nella conversazione (l'evento si è sovrapposto alla convenzione annuale del partito al governo). Le domande sollevate per la considerazione e l'azione includevano i ruoli e le piattaforme profetiche e fantasiose delle chiese; un ruolo per la chiesa nella gestione del conflitto quando sorge tra i partiti; "Quando i profitti sono eccessivi immorali"; maggiore trasparenza da parte dell'industria, in particolare con le comunità locali; e lo sviluppo di un insieme concordato di principi di buone pratiche per l'impegno della comunità.

La giornata si è conclusa con una serie di promesse di azione offerte e accettate sia dall'industria che dalla chiesa. Questi hanno abbracciato progetti molto specifici a livello di comunità locale dei siti minerari, oltre a sviluppare un istituto forte e capace che potesse servire come risorsa imparziale e partito per lottare con molte delle questioni che potevano essere identificate e considerate brevemente nel corso della giornata. . Ciò includeva questioni e preoccupazioni che sono molto locali e immediate, così come le più ampie questioni trasversali di occupazione, energia, tecnologia e ambiente che sono presenti nelle comunità di tutto il paese e del mondo.


Interviste alla Radio Vaticana Séamus Finn sull'impatto delle operazioni minerarie sulle comunità locali Ottobre 9th, 2015

Padre-Seamus

Padre Séamus Finn, OMI ha recentemente moderato una conferenza in Vaticano per i rappresentanti della Chiesa e gli amministratori delegati (CEO) dei maggiori conglomerati minerari per discutere l'impatto delle operazioni minerarie sulle comunità locali.

Dopo la conferenza Devin Watkins della Radio Vaticana ha parlato con p. Séamus in una intervista ad ampio raggio sugli obiettivi dell'incontro. Ascolta l'intervista su questo sito.

 

 

 

 

Torna all'inizio