Logo JPIC OMI

Giustizia, pace e integrità della creazione

Oblati missionari di Maria Immacolata  Provincia degli Stati Uniti

Logo OMI
Rivista
Traduci questa pagina:

Notizie recenti

News feed

Archivio News


Video e audio più recenti

Più video e audio>

Archivio notizie »Nazioni Unite


Prossimo webinar: Faith parla all'UN75 Ottobre 15th, 2020

In osservanza del 75 ° anniversario delle Nazioni Unite, unisciti ai Missionari Oblati di Maria Immacolata e ai membri del Comitato delle ONG religiose  in un webinar, Faith parla con UN75, in programma mercoledì 21 ottobre 2020, dalle 10:00 alle 11:30 (ora di New York) e facilitato tramite Zoom. Le discussioni si incentreranno sulla necessità di continuare a lavorare insieme attraverso partenariati e una collaborazione rafforzata tra organizzazioni religiose e società civile in generale, governi nazionali, comunità internazionale, settore privato e altri attori.

Registrati entro il 20 ottobreth tramite questo link: https://us02web.zoom.us/meeting/register/tZwpcu2uqD4uEtWStFEaMfMn1TeZJaAes3vZ.

 


UN @ 75: una preghiera per le Nazioni Unite Settembre 23rd, 2020

Le Nazioni Unite sono emerse dalle ceneri della seconda guerra mondiale. Il 75 ° anniversario della fondazione dell'ONU è un'occasione per celebrare i suoi risultati: "salvare le generazioni successive dal flagello della guerra, promuovere i" diritti umani fondamentali ", stabilire le condizioni per il rispetto della" giustizia e del diritto internazionale "e" promuovere il progresso sociale e migliori standard di vita in una maggiore libertà. "

L'anniversario ci offre l'opportunità di immaginare le Nazioni Unite adatte ai nostri tempi, per servire meglio un mondo molto diverso da quello del 1945.

I religiosi che lavorano all'ONU hanno preparato un servizio di preghiera per celebrare il 75 ° anniversario dell'ONU. Siamo incoraggiati a riunirci con la nostra famiglia e la comunità per pregare per un buon futuro per il nostro mondo.

Unisciti e scarica la preghiera qui.

 


Dichiarazione delle ONG sul 75 ° anniversario delle Nazioni Unite 9 settembre 2020

Recupero COVID-19: ricostruire meglio 

P. Daniel LeBlanc, OMI Reports

La Conferenza delle organizzazioni non governative in rapporti consultivi con le Nazioni Unite (CoNGO) è un'associazione internazionale indipendente che facilita la partecipazione delle ONG alle Nazioni Unite. Fr. Daniel LeBlanc, OMI rappresenta i Missionari Oblati di Maria Immacolata presso le Nazioni Unite. 

Temendo che l'attenzione sia focalizzata sulla crisi sanitaria globale, mentre vengono trascurati gli sforzi per affrontare la crisi climatica in corso, raggiungere lo sviluppo sostenibile e l'uguaglianza di genere, proteggere i diritti umani e promuovere la pace, CoNGO ha recentemente rilasciato una dichiarazione in occasione del 75 ° anniversario della UN.

Leggi la dichiarazione della ONG qui.

 


ONU ed ECOSOC affrontano una sfida storica: p. Daniel LeBlanc, report OMI Luglio 20th, 2020

Rapporto di p. Daniel LeBlanc, Missionari Oblati - Provincia degli Stati Uniti, Rappresentante presso le Nazioni Unite

(Il Forum politico di alto livello è la piattaforma centrale delle Nazioni Unite per il seguito e la revisione dell'agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e gli obiettivi di sviluppo sostenibile).

Martedì 7 luglio, il Forum politico ad alto livello (HLPF) è iniziato con l'intervento del presidente norvegese Mona Juul del Consiglio economico e sociale (ECOSOC). Il titolo e il sottotitolo del suo intervento ci hanno messo in linea con quella che era stata la prima settimana del forum. Il titolo era: "Lancio di un decennio di azione in tempi di crisi: concentrarsi sugli OSS mentre si combatte COVID-19“. Ulteriori informazioni sull'High-Level Political Forum (HLPF): https://sustainabledevelopment.un.org/hlpf/2020

Fr. Daniel LeBlanc, OMI

La versione di quest'anno dell'HLPF è stata progettata per il rilancio Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e gli obiettivi di sviluppo sostenibile dopo la revisione dello scorso anno, e per celebrare il 75 ° anniversario della fondazione delle Nazioni Unite (ONU). Alla fine della riunione dello scorso anno e fino a gennaio 2020, tutto è sembrato un nuovo impulso per l'Agenda e un rinnovamento delle strutture, sia dell'ONU che dell'ECOSOC. Non possiamo dire che COVID-19 abbia fermato gli impulsi di rinnovamento, ma ha rallentato lo slancio. L'HLPF si svolge, quasi interamente, attraverso riunioni virtuali. Questa nuova modalità, pur rappresentando la decisione inequivocabile di andare avanti, non cessa di rappresentare un grado di intensità inferiore rispetto agli anni precedenti quando i dialoghi erano faccia a faccia.

La revisione dello stato di avanzamento degli SDG dell'Agenda 2030 è stata effettuata quest'anno dal punto di vista del COVID-19; cioè chiedersi come il Coronavirus sta e influenzerà il raggiungimento di ogni obiettivo. Le analisi sono state casuali: molto di ciò che era stato ottenuto, con molto impegno, nella lotta alla disuguaglianza sociale, sarà influenzato in modo molto negativo. Bambini e adolescenti hanno dovuto smettere di andare a scuola; milioni di posti di lavoro, formali e informali, sono stati persi; c'è una crisi sanitaria con centinaia di migliaia di morti per infezioni da COVID-19; carestie incipienti e "imminenti", ecc. Potrei continuare a elencare ciascuno dei 17 obiettivi dell'SDG2030; tutti sono stati colpiti. Questa è una tragedia globale che sta accadendo in ogni paese e ha un impatto su ogni persona.

Di fronte a questa situazione catastrofica, i dialoghi, le presentazioni e i seminari tenuti durante questa settimana hanno risposto in modo unitario: il percorso per superare questa crisi mondiale viene da ciò che è contenuto nell'Agenda2030. La sfida è globale e la risposta deve essere globale, così come l'agenda stessa. Detto questo, c'è un secondo punto che si trova negli Obiettivi 10 e 17 dell'SDG: è necessario agire in modo deciso contro le disparità all'interno di ciascun paese e tra i paesi e, per questo, è necessaria una collaborazione internazionale. Il multilateralismo emerge, ancora una volta, come l'unica via percorribile; ma il multilateralismo non si basa sulla volontà di ciascun paese di costruirlo e modellarlo in modo efficace.

Abbiamo terminato la prima settimana e iniziato la seconda. Il secondo periodo di incontri si è concentrato sui rapporti volontari di ogni paese - Voluntary National Review (VNR) - sull'attuazione dell'Agenda; a cominciare da quelle corrispondenti ad Armenia, Samoa, Ecuador, Honduras e Slovenia.

Aspetteremo, come ogni anno, le conclusioni dell'HLPF-VNR, ma quest'anno bisognerà aspettare qualcosa in più. Il mondo intero, per paese e area, è nel mezzo dello shock causato da COVID-19. Fino a quando la confusione causata da questa guerra alla sanità pubblica non sarà dissipata, non sapremo come il mondo sia veramente riorganizzato poiché siamo in mezzo alla nebbia, scalando una grande montagna. Confido che la tanto elaborata Agenda 2030 e il multilateralismo delle Nazioni Unite saranno la risposta che troviamo in cima.

 


Le suore domenicane impegnano $ 46 milioni per raccogliere nuovi fondi per soluzioni climatiche 19 Giugno 2020

(Tra il gruppo iniziale di finanziatori aggiuntivi ci sono CommonSpirit Health, Oblate International Pastoral Investment Trust e Franciscan Sisters of Mary).

(Credito fotografico: Markus Spiske, Unsplash)

Sedici congregazioni statunitensi di suore domenicane hanno raccolto più di $ 46 milioni per creare una nuova iniziativa di fondi di investimento volta a finanziare soluzioni per affrontare i cambiamenti climatici e assistere le comunità di tutto il mondo più a rischio.

I nuovi Climate Solutions Funds sono una collaborazione di cinque anni tra le sorelle domenicane e l'importante società di investimenti Morgan Stanley. Le sorelle hanno fornito un seeding iniziale di 46.6 milioni di dollari nel 2018 per i fondi, che con investimenti di capitale aggiuntivi sono cresciuti a $ 130 milioni. Il denaro sarà destinato a progetti globali che perseguono soluzioni ai cambiamenti climatici e raggiungono gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

Leggi la storia completa a National Catholic Reporter's Earthbeat. 


Nazioni Unite e Oblati di Maria Immacolata Dicembre 11th, 2018

Fr. Daniel LeBlanc è un Oblato canadese che era anche un missionario in Perù. Attualmente è il rappresentante OMI presso le Nazioni Unite. Qui nel video, spiega come e perché siamo lì nel più grande organismo internazionale del mondo.

 

Torna all'inizio