Logo JPIC OMI

Giustizia, pace e integrità della creazione

Oblati missionari di Maria Immacolata  Provincia degli Stati Uniti

Logo OMI
Cosa ce di nuovo
Traduci questa pagina:

Notizie recenti

News feed

Archivio News


Video e audio più recenti

Più video e audio>

Making Migration Work for All: Il Global Compact per la migrazione sicura, regolare e ordinata

Agosto 16th, 2018

Inserito da p. Daniel LeBlanc, OMI

A luglio 12, nelle sue osservazioni di apertura durante il primo dialogo multi-stakeholder tenuto a margine dei primi negoziati intergovernativi sul patto globale per una migrazione sicura, ordinata e regolare, il rappresentante speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite sulla migrazione, signora Louise Arbor, ha fatto il seguente motivo: “A lungo termine l'evidenza è chiara: i vantaggi della migrazione superano di gran lunga le sfide. E senza una chiara comprensione della migrazione, le narrazioni negative circondano i migranti. “Non dobbiamo permettere che le narrazioni politiche xenofobe sulla migrazione distorcano il nostro obiettivo di rafforzare la cooperazione internazionale sulla migrazione ". Ha inoltre sottolineato che "è solo con i fatti e il contesto che possiamo avere una discussione rispettosa e realistica sulla migrazione, che respinge le molte narrazioni imprecise e negative propagandate per vantaggi politici a breve termine e politiche fuorvianti".

Il grande afflusso di rifugiati / migranti da alcuni paesi del Medio Oriente e dell'Africa in Europa tra il 2014 e il 2016, a seguito dell'escalation dei conflitti e delle sfide socio-politiche ed economiche in queste regioni, ha sollevato un'enorme preoccupazione globale, nonché un contraccolpo socio-politico da alcuni paesi europei. L'Assemblea generale delle Nazioni Unite (UNGA) ha risposto al situazione convocando a Vertice di alto livello per affrontare i grandi movimenti di rifugiati e migranti a settembre 2016. Alla fine del vertice, l'UNGA ha adottato una risoluzione 71 / 1, nota anche come Dichiarazione di New York (NYD). Secondo l'UNGA, la Dichiarazione di New York "esprime la volontà politica dei leader mondiali di salvare vite, proteggere i diritti e condividere la responsabilità su scala globale". Nel NYD era esplicito l'impegno degli Stati membri a negoziare e adottare un patto globale separato per migrazioni e rifugiati sicuri, ordinati e regolari entro il 2018.

Assemblea Generale delle Nazioni Unite

Mentre il lavoro sul Global Compact per i rifugiati è stato in gran parte coordinato dal Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati a Ginevra, il processo di negoziazione del patto globale per una migrazione sicura, ordinata e regolare era rigorosamente guidato dallo Stato e facilitato dal Rappresentante permanente della Svizzera e del Messico presso le Nazioni Unite. Dopo ampie consultazioni con più parti interessate e sei intensi mesi di negoziati intergovernativi, gli Stati membri hanno presentato un punto documento concordato su 13th Luglio 2018. Il concordato i documenti negoziati per il patto globale per una migrazione e rifugiati sicuri, ordinati e regolari, saranno adottati dall'Assemblea generale dell'ONU all'inizio di dicembre 2018, a Marrakech, in Marocco. Una volta adottato, il patto globale per una migrazione sicura, ordinata e regolare sarà il primo quadro globale sulla governance della migrazione.

Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati

Nelle sue osservazioni alla fine dei negoziati, il vice segretario generale delle Nazioni Unite, la signora Amina Mohammed, ha elogiato gli Stati membri per essere rimasti nel processo nonostante, come ha osservato, "alcune questioni profonde che sollevano le migrazioni come la sovranità degli stati e dei diritti umani; cosa costituisce il movimento volontario; la relazione tra sviluppo e mobilità; e come sostenere la coesione sociale."La signora Mohammed ha sottolineato che,"questo patto dimostra il potenziale del multilateralismo: la nostra capacità di riunirci su questioni che richiedono una collaborazione globale, per quanto complicate e controverse possano essere.“Tutti gli Stati membri dell'ONU hanno partecipato ai negoziati intergovernativi per una migrazione sicura, ordinata e regolare, ad eccezione degli Stati Uniti d'America e dell'Ungheria.

Leggi di più:  Documento di risultato negoziato e concordato intergovernativo del Global Compact per la migrazione sicura, ordinata e regolare; https://bit.ly/2LP0ycL

Il Summit delle Nazioni Unite per i rifugiati e i migranti 2016: https://bit.ly/2bqPpvC

La dichiarazione di New York: https://bit.ly/2o9ItXe

 

Torna all'inizio